Aterp Vibo, parla l’ex commissario Daffinà: «Condanna ingiusta. L’ente ha risparmiato»

L’ex commissario straordinario dell’Aterp di Vibo è stato condannato dalla Corte dei conti a risarcire 500mila euro per la compravendita dell’immobile in cui ha sede l’ente

13
25 aprile 2020
18:05
Aterp, l’ex commissario Daffinà
Aterp, l’ex commissario Daffinà

«Ritengo sia giunto il momento di fare un po’ di chiarezza. In primo luogo mi chiedo: ma è possibile che un amministratore pubblico venga condannato per danno erariale per aver fatto risparmiare, almeno 120mila euro l’anno e sin ora quasi 1 milione di euro considerato che dal momento dell’atto di acquisto di anni ne son passati quasi sette, all’Ente che amministra e che oltre ad aver, con le proprie politiche gestionali, consentito a quello stesso ente amministrato e, in seconda istanza, alla Regione Calabria, di arricchire il proprio patrimonio immobiliare ponendo le basi per un ulteriore, consistente risparmio nel corso del tempo?». E ancora: «è possibile che un amministratore pubblico venga accusato di danno erariale scendendo nel merito di scelte politico-finanziarie che sono esse stesse l’essenza e il fine ultimo di un incarico gestionale? Il buon senso direbbe no ad entrambi gli interrogativi».


A porsi queste domande e a rispondere di conseguenza è l’ex commissario straordinario dell’Aterp di Vibo Valentia Antonino Daffinà, già condannato dalla Corte dei conti a risarcire 500mila euro per la compravendita dell’immobile in cui ha sede l’Ente che gestisce gli alloggi residenziali pubblici. Come ricorda egli stesso: «La magistratura contabile l’ha pensata diversamente ed ha emanato una sentenza di condanna nei miei confronti per aver proceduto all’acquisto della sede dell’Aterp provinciale di Vibo Valentia, poi confluita nell’Aterp unica regionale».


«Sentenza ingiusta»

Necessario, per Daffinà, fare chiarezza. «Il sottoscritto, che continua ad aver piena fiducia nel sistema giudiziario, ha già presentato appello contro quella sentenza. Una sentenza ingiusta perché non tiene conto di alcuni elementi finanziari e gestionali di estrema importanza e soprattutto perché erroneamente non considera tutti i benefici derivanti dall’acquisizione della sede dell’Aterp che, sia chiaro, non è stata affatto chiuso con la riforma delle Aterp effettuata alcuni anni fa».

Per l’ex commissario: «alcuni esponenti politici, generando una falsa ricostruzione delle cose, hanno sbandierato la presunta inutilità dell’acquisto, peccato che un conto è l’ente Aterp provinciale e un conto sono gli uffici provinciali dell’Aterp. Mi spiego meglio. La riforma delle Aterp ha eliminato gli enti provinciali ma le diramazioni degli uffici sono rimaste così come erano. Ciò sta a significare che l’acquisto della sede fatto durante la mia gestione ha consentito oggi di continuare ad offrire un servizio in ambienti decorosi in cui tutti gli uffici precedentemente esistenti hanno continuato ad operare. Sotto un profilo organizzativo l’accorpamento delle Aterp ha portato all’abolizione dei direttori generali, di quelli amministrativi e di quelli tecnici ma non degli uffici».

In secondo luogo, «come da noi prospettato proprio in fase d’acquisto, i locali dell’edificio in surplus rispetto al fabbisogno generale dell’ente avrebbero potuto essere utilizzati per ospitare ulteriori uffici regionali e, nel successivo sviluppo dell’attività gestionale, quanto da noi previsto si è concretizzato visto che ad oggi la sede dell’Aterp ospita anche diverse altre pertinenze regionali. Sono perfettamente consapevole di aver operato secondo coscienza per far ottenere all’Aterp il massimo vantaggio possibile in termini economico-finanziari ma anche nel miglioramento delle potenzialità operative e funzionali che l’ente ha potuto e tuttora può esplicare per il raggiungimento dei fini istituzionali».

In conclusione, Daffinà spiega «ritengo di aver svolto il mio incarico quale commissario dell’Aterp offrendo il meglio delle mie competenze nella convinzione di aver fatto un buon lavoro. Non lo dico io, lo dicono i risultati che un’analisi oggettiva e non pregiudiziosa non può che mettere in evidenza».



L’incarico al Comune di Cosenza

Nelle battute finali anche un riferimento «all’incarico al quale ero stato proposto presso il Comune di Cosenza, ossia quello di presidente del Collegio dei Revisori dei conti. Vorrei ringraziare pubblicamente il sindaco Mario Occhiuto – afferma Daffinà – per la fiducia che mi aveva accordato nel propormi ma, con estrema probabilità, come ho già privatamente comunicato allo stesso primo cittadino, potrei ritirare la mia disponibilità per valutazioni ed esigenze personali. Tuttavia, solo per amor di verità, mi preme ricordare che il sottoscritto è revisore contabile dal 1990 e in questi 30 anni di attività professionale ha ricoperto il ruolo di componente/presidente del collegio dei revisori o revisore unico in numerosi enti pubblici tra cui la Provincia di Vibo Valentia, il Comune di Vibo Valentia, diversi altri comuni in tutta la Calabria, l’Arpacal, oltre che in vari enti privati. Posso accettare che si discuta la mia attività politica ed eventuali scelte, magari, non condivise, di certo non posso accettare che si metta in discussione la mia competenza professionale»

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio