Bancarotta fraudolenta, nei guai una coppia di coniugi di Altomonte

Le indagini partite dalla gestione fallimentare di una società di San Lorenzo del Vallo, attiva nello smaltimento di rifiuti. Sequestrati beni per oltre 800mila euro

di Salvatore Bruno
9 novembre 2017
09:24

La Guardia di Finanza di Castrovillari ha eseguito due ordinanze restrittive nei confronti di una coppia di coniugi di Altomonte, B.M. di 46 anni e B.A. di 40, su disposizione del locale Tribunale. I due sono accusati di bancarotta fraudolenta documentale e distrattiva. L’uomo è finito agli arresti domiciliari mentre la moglie è stata sottoposta all’obbligo di firma.

 


Società spogliata dei beni a danno dei creditori

La complessa indagine, condotta dalle fiamme gialle e coordinata dal procuratore Eugenio Facciolla e dal sostituto Angela Continisio, ha riguardato il fallimento di una società di San Lorenzo del Vallo, esercente attività di smaltimento di rifiuti, le cui casse risultavano “svuotate” e l’impresa “spogliata” di beni per un valore pari a circa quattro milioni e trecentomila euro, a danno dei creditori. Dall’analisi della documentazione reperita sono emersi gravi indizi di frode in capo all’amministratore della società fallita e alla moglie.

Il trasferimento delle risorse ad una nuova impresa gemella della prima

Di fatto, l’amministratore della società in dissesto economico, attraverso artifizi documentali e contabili e la presentazione di falsi bilanci, ha fraudolentemente trasferito buona parte dei beni dell’impresa ad una nuova società amministrata dal coniuge, operante sempre nel medesimo settore dello smaltimento dei rifiuti. I finanzieri hanno posto sotto sequestro beni mobili ed immobili per un valore pari ad 850.000 euro.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio