La criminalità nel mondo della trap, così si evolve il canto di malavita

Domenico Bellocco alias Glock 21 lancia il suo singolo nella ricorrenza della cattura del bossGregorio Bellocco. In poche ore migliaia di visualizzazioni del suo video clip

123
19 febbraio 2019
09:10
Un estratto del video
Un estratto del video

Si chiama Domenico Bellocco, si fa chiamare Glock 21. Già, nome d’arte particolare: richiama quello della pistola semiautomatica austriaca divenuta un’icona per l’America delle armi e delle gang. Glock 21 è trapper la cui musica potrebbe rappresentare l’ultimo stadio dell’evoluzione del tradizionale canto di malavita. 

 

Magari sarà solo un caso ma il singolo di Glock 21, “Numeri uno”,  è stato lanciato proprio il 16 febbraio, nella ricorrenza della cattura di Gregorio Bellocco, alias “Lupo solitario”, stanato in un bunker sotterraneo dai cacciatori dell’Arma e dal Ros. Correva il 2005 e a quel giorno, il 16 febbraio appunto, un menestrello di malavita finì col dedicare una delle sue ballate vecchia maniera. «Sidici febbraiu jornu fatali, ci fu la cattura  di n’omu geniali…». 
Domenico Bellocco canta di avere “roba pesante addosso”. Cosa? Droga? Armi? Oppure gioielli, abiti… Il loro trap resta nell’equivoco. "Numeri uno" parla di gente che vuole «oro e gioielli», in un mondo in cui si gira coi volti incupiti tra «vetri oscurati e carabinieri». «Rosarno è il paese nostro». Canta Glock 21: «Non ci fotte nessuno… Siamo in numeri uno».

In poche ore, su YouTube, il video clip registra migliaia di visualizzazioni… Tatuaggi, gioielli, armi pesanti, belle ragazze… La gomorra calabrese. Messaggi pericolosi lanciati attraverso strumenti – la musica, il trap, il web – che arrivano dritti ai giovani. L’evoluzione del canto di malavita, appunto: non più mero un folclore rurale ma diffusione di massa.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio