A Siderno non ci sono tamponi per la paziente oncologica: «È vergognoso»

La storia di Viviana che ha iniziato ad accusare sintomi del Covid-19. L'iter di accettazione è andato a buon fine, ma ancora nessuno è andato ad effettuare il test

628
di Ilario  Balì
3 aprile 2020
16:01

La carenza di tamponi sul territorio reggino registrata negli ultimi giorni ha messo ha nudo tutte le carenze e le criticità del sistema sanitario. A rimetterci sono cittadini come Viviana, paziente oncologica di Siderno, trattata con chemio e radio nel 2015, nonché volontaria dell'associazione Angela Serra della Locride.

 

Lo scorso 27 marzo la donna ha avviato, tramite il medico di famiglia, la procedura per la richiesta del tampone in quanto da 2 giorni accusava sintomi compatibili con il coronavirus (tosse, febbre e difficoltà respiratoria lieve). Dopo aver ricevuto la mail di conferma del buon esito della pratica è stata contattata dalle forze dell'ordine, che hanno censito la sua richiesta, precisando che a breve avrebbe ricevuto una visita domiciliare al fine di effettuare il tampone. Oggi però è ancora in attesa.

 

«Sono arrabbiata e mortificata – racconta - Mi prendo cura dei miei genitori, persone anziane che soffrono di gravi patologie, quindi soggetti ad altissimo rischio. Ci chiedono giustamente di stare a casa; l'ho fatto e continuerò a farlo per tutelare gli altri. Nessuno però mi sta aiutando a tutelare la mia famiglia, i miei cari e me stessa. Trovo tutto questo vergognoso».

 

Da qualche giorno Viviana sta meglio, ma non saprà mai l’esito di un tampone mai arrivato. «Spero che il mio sia un caso isolato – sottolinea - ma se così non dovesse essere, invito tutte le persone, che hanno riscontrato la stessa difficoltà, a rivolgersi alla nostra associazione. Insieme troveremo il modo di risolvere il problema».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio