Covid, i medici di base vaccineranno anche le categorie fragili?

È nelle intenzioni del commissario alla Sanità calabrese Guido Longo. Nei giorni scorsi il ministero della Salute ha diramato le linee guida in cui si tracciano i criteri per individuare i pazienti

88
di Luana  Costa
18 marzo 2021
18:41

Il commissario ad acta, Guido Longo, sta valutando l'opportunità di estendere l'accordo regionale sottoscritto poco più di un mese fa con i medici di medicina generale affidandogli la vaccinazione di nuove categorie target. Quell'accordo prevede per ora la sola presa in carico degli ultraottantenni che sono al momento vaccinati dai medici di medicina generale. 

Le intenzioni del commissario

La novità è emersa nel pomeriggio di ieri durante un tavolo di confronto convocato, appunto, dal commissario ad acta, Guido Longo, con le sigle maggiormente rappresentative dei medici di base. Si è ragionato sulla opportunità di estendere l'accordo contemplando nuove categorie quali, ad esempio, i soggetti fragili. Nei giorni scorsi il ministero della Salute ha diramato le linee guida in cui si tracciano i criteri per individuare i pazienti fragili e, tra questi, quelli ancor più fragili poichè affetti da pluripatologie che li rendono a rischio contagio. Chi, ad esempio, è affetto da patologie cardiovascolari, patologie cerebrovascolari e malattie dell'apparato respiratorio e, nello specifico, chi è affetto da fibrosi polmonare o si trova in ossigenoterapia a lungo termine.


Gli over 75

La categoria non dovrebbe coinvolgere molti soggetti e nelle intenzioni del commissario ad acta dovranno essere i medici di medicina generale a farsi carico della loro vaccinazione. Si valuta anche l'inclusione di una ulteriore categoria, gli ultrasettantacinquenni, ma tutto dovrà essere oggetto di un nuovo accordo da sottoscrivere con i sindacati e di cui con ogni probabilità se ne saprà di più la prossima settimana.

Il modello Uccp

L'idea nasce dai lusinghieri risultati raggiunti, soprattutto, nella provincia di Catanzaro dalle unità complesse di cure primarie (Uccp), le aggregazioni di medici di medicina generale, a cui l'Asp di Catanzaro ha affidato la vaccinazione degli ultraottantenni. Gli assistiti delle unità funzionali hanno già ricevuto tutti la prima dose e a partire dal prossimo fine settimana (27 e 28 marzo) si partirà con la seconda somministrazione. Questa forma di organizzazione ha infatti consentito di superare le criticità registrate in altri territori sprovvisti di Uccp perchè mai formate.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top