DECRETO DRAGHI

Covid, il Governo ha deciso: green pass obbligatorio a scuola, stop allo stipendio dopo 5 giorni

Il Consiglio dei ministri ha adottato le nuove norme che impongono il certificato a docenti e studenti, anche nelle Università. Speranza: «Necessario per evitare chiusure e tutelare libertà». Ecco cosa cambia

974
di Redazione
5 agosto 2021
20:06

Obbligo del green pass per i docenti, per gli studenti universitari e per chi usa trasporti a lunga percorrenza. Sono le nuove norme adottate dal Consiglio dei ministri che questa sera ha discusso e licenziato il nuovo decreto.
Nell'anno 2021-2022 per «assicurare il valore della scuola come comunità e tutelare la sfera sociale e psico-affettiva» degli studenti, tutte le lezioni si svolgono in presenza. Il testo, di 10 articoli, parte dalla scuola e stabilisce l'obbligo di mascherina (tranne sotto i 6 anni). Regioni e Comuni potranno chiudere istituti e fare lezioni in Dad solo come «deroga» per «specifiche aree del territorio o singoli istituti», «esclusivamente in zona rossa o arancione» o per casi «eccezionali» di focolai o rischio «particolarmente elevato».

Personale scolastico: stop allo stipendio dopo 5 giorni

Due le sanzioni con effetto deterrenza per i prof no vax: il personale della scuola e dell'università dovrà avere ed esibire il green pass, «il mancato rispetto delle disposizioni è considerata assenza ingiustificata e, a decorrere dal quinto giorno di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato».


Università

Obbligo di Green pass anche per gli studenti universitari, alla ripresa dell'anno accademico. L'obbligo varrà per i professori universitari, come per tutto il personale scolastico. Una discussione sarebbe in corso sugli studenti delle superiori che abbiano più di 16 anni.

Tamponi rapidi in "sconto"

Tamponi rapidi in farmacia ad 8 euro per i ragazzi tra i 12 e i 18 anni e a 15 euro per tutti gli altri italiani. È quanto stabilisce il protocollo d'intesa predisposto dal Commissario per l'emergenza Francesco Figliulo d'intesa con il ministro della Salute Roberto Speranza e i presidenti di Federfarma, Assofarm e FarmacieUnite. L'ipotesi della gratuità dei test anti-Covid, spiegano fonti di governo, è stata scartata perché avrebbe potuto disincentivare i più giovani a immunizzarsi.

Trasporti

Il green pass sarà dal 1° settembre obbligatorio su navi e traghetti interregionali ad esclusione dello Stretto di Messina, sui treni di tipo Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità, sugli autobus che collegano più di due Regioni. Obbligo di certificazione verde anche per gli autobus adibiti a servizio di noleggio con conducente, ad eccezione di quelli aggiuntivi al servizio pubblico locale e regionale. L'obbligo non applica per i soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale e per i soggetti esentati dal vaccino con certificazione medica.

Si va verso l'aumento della capienza dei trasporti a lunga percorrenza, a cominciare dai treni. Nel corso della cabina di regia l'orientamento emerso è quello di aumentare la capienza dal 50% all'80% dei posti disponibili.

Il green pass non sarà obbligatorio per bus e metropolitane del trasporto pubblico locale e per i treni regionali. Lo ha detto il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini rispondendo al question time alla Camera sottolineando che, per quanto riguarda il trasporto pubblico, la capienza sarà dell'80% anche in zona gialla. Il pass, ha ribadito il ministro, «è una misura di ragionevolezza e buonsenso che non mira a vietare ma a favorire gli spazi di libertà dei cittadini ed evitare nuove chiusure e lockdown».

Bar e ristoranti degli alberghi

I clienti degli alberghi che vogliono accedere ai ristoranti e ai bar al chiuso nelle strutture non dovranno utilizzare il green pass. Lo ha deciso, secondo quanto si apprende da fonti di governo, la cabina di regia tra i capigruppo della maggioranza confermando quanto già previsto dal decreto precedente. Nel corso della discussione, sempre secondo fonti presenti alla riunione, parte della maggioranza avrebbe voluto introdurre anche per gli alberghi l'obbligo ma alla fine si è deciso di mantenere invariata la norma attuale

Una norma ad hoc riguarderà i cittadini di San Marino, nel decreto sul green pass che il Consiglio dei ministri si appresta a varare. Il tema è che nella piccola Repubblica appenninica il vaccino più diffuso è lo Sputnik e non uno dei quattro usati in Italia. L'ipotesi, spiegano fonti di governo, è di estendere per i sanmarinesi l'esenzione dal Green Pass fino al 15 settembre ma una decisione non è stata ancora presa.

C'è vaccino e vaccino

Chi ha fatto due dosi del vaccino di Reithera sarà esentato dal green pass, mentre chi ha fatto una sola dose avrà indicazione di fare la seconda dose con un vaccino riconosciuto, per ottenere così la certificazione verde. È l'orientamento che emerge dalla cabina di regia di questa mattina. Secondo quanto si apprende da fonti di governo, chi ha partecipato alla sperimentazione di Reithera dovrebbe uscire dall'attuale incertezza ed essere esentato per sessanta giorni dal Green pass. L'esenzione è legata al fatto che il certificato può essere riconosciuto solo a chi abbia fatto un vaccino già vidimato dall'Ema.

La quarantena per chi abbia completato il ciclo vaccinale, in caso di contatto con un positivo al Covid, durerà sette giorni invece di dieci. I nuovi termini dovrebbero essere indicati da una circolare del ministero della Salute: la quarantena potrà terminare al settimo giorno, dopo tampone negativo.

Speranza: «Green pass per tutelare libertà»

Puntare sul green pass per «evitare chiusure e tutelare libertà». Il ministro della Salute, Roberto Speranza, spiega così la mossa del Governo, in conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri. «Con questo decreto – afferma - facciamo un ulteriore passo in avanti e lo facciamo su tre ambiti che riteniamo decisivi per il paese: la scuola, che è fattore essenziale e l'università. All'università il pass è disposto non solo per il personale ma anche per gli studenti. Il terzo ambito riguarda i trasporti, per renderli più sicuri».

Quindi, l’invito, per chi ancora non lo ha fatto, a vaccinarsi: «I vaccini sono efficaci e sicuri e ci stanno consentendo di gestire questa fase in maniera diversa e quindi l'appello sempre forte del governo è a continuare su questa strada perché la vaccinazione è la vera svolta di questa sfida e i vaccini sono il vero strumento per chiudere questa stagione difficile e aprirne una diversa».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top