Covid Soverato, stretta per il fine settimana: chiuse anche spiagge e parchi

Le misure restrittive si sono rese necessarie dopo l'incremento dei casi riscontrati nelle ultime ore. Accessi limitati per le via della movida

387
di Rossella  Galati
11 marzo 2021
21:34

Torna la preoccupazione a Soverato. Dopo l’incremento di nuovi casi di positività al Covid-19 riscontrati nelle ultime ore, il sindaco Ernesto Alecci ha firmato una nuova ordinanza disponendo la sospensione del mercato settimanale, non alimentare, per il prossimo venerdì 12 marzo; durante i giorni di sabato 13 e domenica 14 marzo la chiusura al pubblico di tutti i luoghi di aggregazione, giardini, aree verdi comunali, orto botanico, pineta, parchi gioco, spiagge, campi sportivi, piazze e lungomare fatta eccezione per personale autorizzato. Gli avventori dei locali di somministrazione inoltre non potranno stazionare in piedi nei pressi delle attività ma occupare esclusivamente i posti a sedere. Considerata l’importanza a livello psico-fisico dell’attività motoria all’aperto questa si potrà svolgere anche sul lungomare e villa comunale esclusivamente nella fascia oraria compresa tra le ore 05:00 e le ore 09:00.

Stop alla movida

E ancora, sempre nel fine settimana, l’accesso all’area pedonale di corso Umberto I è da consentire solamente ai cittadini previo giustificato motivo e per recarsi nelle proprie abitazioni private, nonché per recarsi presso gli esercizi commerciali legittimamente aperti. Nella zona a più alto afflusso di persone, la cosiddetta via della movida individuata in via Chiarello, Traversa Regina Elena, via Jonio e via Santa Maria, è fatto divieto di stazionamento al fine di evitare occasioni di concentrazione e di aggregazione di persone. Resta possibile la sola occupazione dei posti a sedere presso le attività di somministrazione ed il ritiro per le attività di asporto.


Scuole chiuse fino a sabato

Il provvedimento segue quello adottato solo due giorni fa con la sospensione delle attività didattiche in presenza di tutte le scuole di ogni ordine e grado, ad eccezione degli asilo nido, presenti sul territorio comunale da mercoledì 10 e fino a sabato 13 marzo compreso a causa di alcuni casi di positività al coronavirus emersi presso la scuola dell’infanzia di Largo Cardillo, a Soverato superiore,  tra il personale ata e alcuni docenti, questi ultimi in servizio in più plessi scolastici.
Subito è stata attivata un’equipe per sottoporre a tampone le persone più fragili, e quindi i nonni dei bambini entrati in contatto con gli insegnanti. Su 32 test effettuati, 6 erano quelli positivi. Ma i risultati dei nuovi test antigenici effettuati nella giornata di oggi, che portano i casi positivi a 19, preoccupano ancora.

Il monito del sindaco

«Dobbiamo prevenire che a Soverato il virus si possa diffondere come purtroppo sta avvenendo in tutta Italia e anche in Calabria, in alcuni piccoli comuni. Ho firmato questa ultima ordinanza a malincuore – ha dichiarato Alecci - ho sempre cercato di mantenere la città aperta andando incontro alle esigenze e alle attività dei più giovani ma in questo momento dobbiamo essere un pochino più attenti. Il comportamento di qualcuno non è stato esemplare e rischiamo di pagare a caro prezzo questi atteggiamenti e allora siamo costretti per questi due giorni a stringere un pochino le maglie nella speranza che tutto passi velocemente e si torni alla normalità».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top