Emergenza pandemia

Covid, un giovane pescatore di Fuscaldo tra le ultime vittime registrate nel Cosentino

Aveva 49 anni, lascia la moglie e due figli. Alta l'incidenza dei nuovi casi in tutta la provincia. Controlli dell'Asp in un Caf di Rende, dove uno degli operatori è risultato positivo

di Salvatore Bruno
7 settembre 2021
12:44

Il dramma si è consumato nel giro di appena quattro giorni, quando un pescatore quarantanovenne di Fuscaldo, non vaccinato e positivo al Covid, è stato ricoverato nella Rianimazione dell'Annunziata di Cosenza, per l'aggravarsi delle sue condizioni. Ieri è deceduto. Lascia la moglie e due figli.

Comunità sconvolta

Sconvolti gli abitanti del centro tirrenico cosentino. Sentimenti di cordoglio sono stati espressi dal sindaco Gianfranco Ramundo attraverso un messaggio sui social: «Alla famiglia va il mio pensiero e l’abbraccio virtuale di tutta la nostra comunità - ha scritto tra l'altro - Per Fuscaldo è un giorno tristissimo, ci affidiamo alle preghiere ed a Dio».


Alta l'incidenza dei positivi

Sono 620 nel complesso le persone decedute con Covid, in provincia di Cosenza, dall'inizio dell'emergenza. Sempre molto alta l'incidenza dei casi rispetto al numero dei tamponi effettuati. Nell'ultimo bollettino diffuso dall'Asp il dato sfiora il venti percento. In sostanza, tra le persone sottoposte a screening, una su cinque ha mostrato di aver contratto la Sars Cov-2.

Sotto controllo un Caf

L'Azienda Sanitaria inoltre, è impegnata nelle ultime ore, nelle attività di monitoraggio dei clienti di un Caf di Rende. Uno degli impiegati, secondo quanto si è appreso, sottoposto a test dopo aver manifestato i sintomi, è risultato positivo. L'immediata attività di tracciamento ha consentito di ricostruire il flusso di persone con cui l'operatore era entrato in contatto nei giorni precedenti: sono adesso tutti in quarantena cautelativa in attesa degli esiti del tampone.

Il vaccino a scuola

Infine da segnalare l'avvio nell'area urbana di Cosenza, giovedì 9 settembre, di una campagna di vaccinazione straordinaria rivolta agli studenti di età maggiore ai 12 anni. In realtà, in questa fase, tutti i punti di somministrazione sono liberamente accessibili al pubblico senza prenotazione. Ma per sensibilizzare ancora di più i ragazzi e le loro famiglie sull'importanza della campagna di prevenzione, alcuni centri saranno allestiti anche negli istituti scolastici aderenti.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top