La sentenza

Favorirono la latitanza del boss Giuseppe Pelle detto Gambazza, 6 condanne e 3 assolti

La sentenza emessa dal gup del tribunale di Reggio Calabria che ha esclusa per tutti gli imputati l’aggravante mafiosa

42
di Redazione
28 luglio 2022
16:16
Giuseppe Pelle
Giuseppe Pelle

Sei condanne e tre assoluzioni. Si è concluso il processo Defender nato da un'inchiesta della Squadra mobile di Reggio Calabria contro i fiancheggiatori del boss di San Luca ed ex latitante Giuseppe Pelle, detto Gambazza.

La sentenza è stata emessa oggi dal gup di Reggio Calabria Vincenzo Quaranta che ha escluso per tutti gli imputati l'aggravante mafiosa. Con il rito abbreviato è stata condannata a 2 anni di carcere la moglie di Pelle, Marianna Barbaro, che, stando alle indagini, incontrava periodicamente il marito durante la sua latitanza.


Marianna Barbaro è la figlia di un altro boss, Francesco Barbaro, morto nel 2018 mentre scontava una condanna all'ergastolo. Sono stati condannati anche il genero Giuseppe Barbaro (2 anni e 10 giorni di reclusione), il figlio Francesco Pelle (2 anni e 5 mesi), il nipote Antonio Pelle classe 1987 (2 anni e 8 mesi).

Il gup Quaranta ha giudicato colpevoli, infine, anche Giuseppe Morabito (2 anni e 3 mesi di carcere) e Girolamo Romeo (2 anni) accusati di aver messo a disposizione l'immobile di Condofuri dove Pelle ha trascorso la latitanza e dove è stato catturato nell'aprile 2018.

La sorella di Romeo, Domenica, è stata invece assolta con la formula per non aver commesso il fatto. Sono stati assolti, infine, anche la figlia e il fratello dell'ex latitante, Elisa e Salvatore Pelle.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top