Coronavirus, carabiniere cosentino guarisce e torna a casa: festa a sirene spiegate. Il video

In servizio presso la compagnia di Rogliano aveva contratto il Covid-19, rischiando di non farcela. Adesso è guarito ed è rientrato nella sua abitazione di Dipignano

282
di Salvatore Bruno
29 aprile 2020
19:41

Degli undici carabinieri in servizio presso la compagnia di Rogliano colpiti nel mese di marzo dal coronavirus, era il più grave.

Ha rischiato di morire

Ricoverato nell'unità di malattie infettive dell'Annunziata di Cosenza, il precipitare delle sue condizioni aveva costretto i sanitari ad un trasferimento nella terapia intensiva del policlinico universitario Mater Domini di Catanzaro.

Perfettamente guarito

Grazie alle cure dell'equipe guidata dal professor Federico Longhini, il militare ha superato la crisi, è stato estubato e adesso, dopo essersi sottoposto al doppio tampone con esito negativo, è stato dichiarato guarito. Oggi è rientrato nella sua abitazione a Dipignano.

Comitato di accoglienza

Ad accoglierlo i propri cari, la famiglia, gli amici. Anche i colleghi in divisa che lo hanno salutato a sirene spiegate. Nel complesso sette carabinieri hanno superato la malattia, altri quattro sono ancora in isolamento domiciliare senza sintomi.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio