Pannolini, bavette e 50 euro: ecco il kit bebè del comune di Soverato

VIDEO | L'attivazione di un fondo pensione in regalo per i nati nel 2019: è questa l'iniziativa dell'amministrazione comunale guidata dal sindaco Ernesto Alecci

58
di Rossella  Galati
6 febbraio 2019
14:50

Un kit bebè con tanto di bavaglino, zainetto, body, peluche e pannolini per ogni bambino nato dal 1 gennaio 2019, residente nel comune di Soverato. E' una iniziativa dell'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Ernesto Alecci, che per ogni nuovo nato attiverà anche un fondo pensione.

 

«Questa idea nasce dalla volontà di far tornare la città di Soverato ad essere una vera e propria comunità. Per un sindaco, per una amministrazione comunale, per tutta la città, la nascita di un bambino è sempre un momento di gioia soprattutto in un periodo storico in cui le nascite sono sempre di meno. E allora - spiega il primo cittadino - abbiamo pensato di regalare ai nuovi nati alcuni gadget come body, bavette, zainetto, peluche a forma di ippocampo, una scorta di pannolini, tutti con il simbolo della nostra città per simboleggiare l'accoglienza all'interno di una comunità. E in più abbiamo voluto fare qualcosa di molto innovativo attivando un fondo pensione. Probabilmente siamo l'unico comune in Italia e forse uno dei pochi in Europa a pensare al futuro dei bambini. La politica si concentra sempre di più sul quotidiano, sull'oggi, anche per cercare di attrarre consensi. E' impopolare invece pensare al futuro e far fare anche delle scelte e dei sacrifici alle famiglie. Noi - prosegue Alecci - con senso di responsabilità, lo abbiamo voluto fare e allora per ogni bimbo e bimba che nascerà e sarà residente nella città di Soverato verrà attivato un piano pensionistico».

Uno sguardo al futuro

Dunque da lunedì prossimo i genitori dei nuovi arrivati potranno recarsi presso l'ufficio di Stato Civile e ritirare il kit per poi rivolgersi all'agenzia Cattolica di Soverato e sottoscrivere il piano pensionistico che sarà attivato dal comune con un versamento iniziale di 50 euro. «Per questo primo anno verseremo la quota di 50 euro, poi se le casse comunali ce lo permetteranno, vorremmo anche alzarla. Poi i genitori, i nonni potranno effettuare i versamenti. Io ricordo che soprattutto nelle regioni meridionali in occasione della nascita di un bambino si regalavano le spille, la catenina d'oro. Penso che sia più opportuno e utile pensare al futuro dei nostri figli - continua il sindaco di Soverato - che attraverso questo salvadanaio, nel quale si può versare liberamente quanto e quando si vuole, potranno pensare un domani a pagare gli studi universitari, dare un anticipo per la prima casa e soprattutto, questo è l'augurio della nostra amministrazione, poter vivere con maggiore serenità la propria pensione avendo una pensione integrativa a supporto di quella che "forse" riuscirà loro a garantire lo Stato».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio