Imponimento

Il racconto di Comito sul lido di Pizzo raso al suolo per «evitare disturbi ai clienti del vicino resort»

La vicenda riferita dal collaboratore di giustizia nell’ambito del processo riguarda la struttura in costruzione in località Difesa distrutta da un incendio

63
di Giuseppe Baglivo
5 marzo 2022
19:04
Il collaboratore Giuseppe Comito
Il collaboratore Giuseppe Comito

Una struttura turistica rasa al suolo da un incendio perché secondo i titolari del villaggio accanto avrebbe potuto disturbare la loro clientela ed un albergo offerto ai clan quale contropartita per la restituzione di denaro. Nel processo Imponimento ha trovato spazio anche ieri la vicenda di un lido in costruzione in località Difesa del comune di Pizzo incendiato durante le fasi di costruzione. A ripercorre gli eventi è stato questa volta il collaboratore di giustizia, Giuseppe Comito, di Vibo Marina, esaminato dal pm della Dda di Catanzaro, Antonio De Bernardo, dinanzi al Tribunale collegiale di Lamezia Terme. 

 Il lido distrutto a Pizzo

«Il lido era di proprietà di un signore di Pizzo, già proprietario dell’Olimpus. Ricordo che un giorno sulla spiaggia vicino al Club Med è arrivata una ditta per realizzare dei pozzetti per tale lido. Io all’epoca – ha spiegato Comito – lavoravo come guardiano al Club Med e ricordo che il proprietario Emanuele Stillitani diceva che ci sarebbe stato un casino se questo lido, aperto al pubblico, fosse entrato in funzione perché dal lido secondo lui le persone potevano intrufolarsi pure nel villaggio Club Med che aveva la discoteca in spiaggia e pure il ristorante lì vicino. Stillitani temeva che persone estranee al suo villaggio potessero così disturbare gli ospiti del Club MedPer Stillitani era una cosa grave la realizzazione di tale lido e bisognava porre rimedio. Il Club Med non voleva altri lidi vicini. È stato Franco Di Leo su mandato di Emanuele Stillitani – ha aggiunto il collaboratore – ad informarsi al Comune di Pizzo su chi ci fosse dietro tale lido, ma si scoprì che era tutto in regola e i titolari erano muniti di regolare concessione».

Ecco così che, secondo il ricordo di Giuseppe Comito, nel corso di una riunione alla quale sarebbero stati presenti Nino Accorinti (indicato come il boss indiscusso di Briatico), Salvatore Muggeri (genero di Accorinti), Saverio Prostamo (ritenuto vicino agli Accorinti), Bruno Bilotta, lo stesso Giuseppe Comito ed altre persone, Emanuele Stillitani avrebbe detto: «Questo lido non deve aprire». Iniziò così l’opera di disturbo ai proprietari del lido: Michele Marcello, Eleonora Marcello e Domenico Marcello, fratello di Eleonora ed all’epoca dei fatti gestore dell’Olimpus di Pizzo, oggi tutti parte civile nel processo con l’assistenza dell’avvocato Giovanna Fronte. 


 Il "favore" ai Stillitani

«Bruno Bilotta – ha dichiarato il collaboratore – era il capo giardiniere degli Stillitani e ricordo che su input di Stillitani e Nino Accorinti ci ha prestato il suo trattore per scaricare tanta terra sulla strada che conduceva al lido in modo da chiuderla completamente e ostruirne così il passaggio alle auto. È stato Nino Accorinti a dire a me ed agli altri guardiani del Club Med di realizzare con la terra degli sbarramenti alla strada di accesso al lido per fare un favore ad Emanuele Stillitani. Quest’ultimo era presente quando abbiamo preso il trattore di Bilotta. Anche altra strada di accesso al lido era stata ostruita e sapevamo che era stata gente di Rocco Anello, cioè i guardiani del villaggio Garden» degli Stillitani. Un racconto, quello di Giuseppe Comito, che coincide perfettamente su tale punto con quello già reso nelle precedenti udienze dal collaboratore di giustizia Francesco Michienzi di Acconia di Curinga. «Una mattina ricordo di essere sceso in spiaggia – ha aggiunto Comito – e ho trovato il lido tutto bruciato, era andato tutto in cenere. Non so chi ha appiccato l’incendio, ho visto però nell’occasione che Salvatore Muggeri e Saverio Prostamo guardavano compiaciuti il rogo. Il lido non ha più aperto». Da ricordare che sotto processo in Imponimento dei soggetti menzionati dal collaboratore si trova solo Stillitani.

Continua a leggere su IlVibonese.it

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top