Inchiesta Re Nudo, l'ex sindaco di Scalea Mario Russo passa ai domiciliari

Era detenuto nel carcere di Cosenza dal 19 dicembre. È il principale indagato nell'indagine della procura di Paola che punta a fare luce sulla sanità del Tirreno cosentino, in particolare sulle visite di accertamento dell'invalidità nella sede di Diamante

177
di Francesca  Lagatta
14 maggio 2021
13:32
Mario Russo
Mario Russo

Mario Russo, ex sindaco di Scalea e principale indagato nell'inchiesta "Re Nudo" lascia il carcere dopo quasi cinque mesi di detenzione carceraria. Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha accolto le richieste dei legali - gli avvocati Vincenco Belvedere e Giuseppe Bruno -, precedentemente respinte, e gli hanno concesso gli arresti domiciliari, che il dirigente medico sconterà nella sua abitazione capitolina. Russo potrà raggiungere la destinazione con mezzi propri, previa comunicazione alle autorità preposte, che controlleranno ora di partenza e di arrivo.

Cinque mesi di carcere

Russo era finito in carcere dopo l'operazione Re Nudo del 19 dicembre scorso, nella quale risultano indagate 101 persone tra medici, infermieri e professionisti del Tirreno cosentino. Secondo il quadro accusatorio, Russo, insieme a numerosi complici, avrebbe messo in piedi un vero e proprio sistema collusiva nell'ambito della sanità, nonché nei procedimenti del rinnovo delle patenti di giuda e delle visite di accertamento dell'invalidità civile nella sede di Diamante. Secondo i magistrati, sussisterebbe ancora il pericolo di reiterazione del reato e pertanto non concedono la piena libertà, ma una misura certamente meno afflittiva del carcere, considerato che il luogo scelto dall'indagato per scontare i domiciliari è lontano dai luoghi abitualmente frequentati.


guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top