Lamezia, usava il contrassegno per disabile della moglie morta: denunciato

Truffa e sostituzione di persona. Sono le accuse di cui dovrà rispondere l'uomo scoperto dalla polizia locale

34
di T. B.
7 dicembre 2018
16:59

La moglie disabile era morta da oltre un anno e mezzo ma lui continuava ad usufruire del posto per disabili utilizzando il contrassegno rilasciato alla defunta.

 

È successo a Lamezia Terme. A rendersi conto dell’accaduto il corpo della Polizia Locale impegnato in servizi di polizia stradale. L’auto in quel momento stava occupando un parcheggio per disabili nei pressi dell’abitazione dell’uomo.

 

La donna, rende noto la Municipale, è deceduta nell’aprile 2017. «La circostanza assume anche un risvolto grottesco – si legge nella nota - in quanto i nuovi modelli di contrassegno, validi in tutti gli Stati della U.E. devono essere effiggiati dalla foto del titolare. Il contrassegno esposto non si sottraeva a detta regola».

 

Una volta accertato il misfatto, il soggetto è stato accompagnato presso il Comando di Polizia Locale, ed ivi, previo sequestro del contrassegno, denunciato all'Autorità Giudiziaria per truffa e sostituzione di persona e sanzionato amministrativamente.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio