Latitante calabrese catturato in Francia: era a casa dei suoceri

Deve rispondere di associazione di stampo mafioso, traffico di stupefacenti, riciclaggio, porto e detenzione abusiva di armi

425
di Redazione
13 dicembre 2019
07:53

La Dia ha coordinato l’arresto, in Francia, di Domenico Stanganellilatitante dal 2014.

L’uomo era stato colpito da mandato d’arresto europeo scaturito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Reggio Calabria per associazione di stampo mafioso, traffico di stupefacenti, riciclaggio, porto e detenzione abusiva di armi, relativa ad un’indagine che aveva permesso di disarticolare le cosche di ‘ndrangheta “Molè” di Gioia Tauro e “Mancuso” di Nicotera.

La cattura di Stanganelli è avvenuta a Vallauris, località della Costa Azzurra, nell’abitazione dei suoceri, grazie ad una diretta cooperazione tra la Dia, la Polizia Giudiziaria di Marsiglia e di Nizza, nonché la Brigata per le Ricerche ed Intervento francese (Bri).

La sinergia operativa tra le forze di polizia europee è stata resa possibile anche grazie alla Rete Operativa Antimafia – Onnet, progetto ideato, sviluppato e gestito in ambito internazionale dalla Dia che prevede, con gli strumenti di cooperazione già esistenti, di supportare le unità investigative degli Stati Membri con agenti specializzati sul fenomeno e di migliorare contestualmente lo scambio d’informazioni utili alle indagini.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio