Longo: «Sanità in Calabria infiltrata dalla ‘ndrangheta da anni, le Asp falcidiate da inchieste»

Le dichiarazioni del commissario sentito oggi dalla Commissione parlamentare antimafia: «Spero che le procure facciano luce anche sulla eventuale intromissione nella campagna vaccinale»

129
di Redazione
12 maggio 2021
21:41
Guido Longo
Guido Longo

«Non da adesso ma da parecchi anni nella sanità calabrese è stata presente e per certi versi lo è ancora e lo dimostrano le indagini delle Dda di Reggio Calabria e Catanzaro sulle infiltrazioni della 'ndrangheta. E non si può parlare di casi eccezionali». Lo ha detto il commissario alla sanità della Calabria Guido Longo sentito in Commissione antimafia sulla presenza della 'ndrangheta nella sanità calabrese.

Dati negati

«Mi stupisce e mi rincresce che si risponda in questo modo quando la Commissione antimafia chiede dei dati e forse si sconosce la normativa che rende la risposta obbligatoria» ha aggiunto Longo riferendosi a quanto detto in apertura dal presidente della Commissione Nicola Morra che alcune Aziende calabresi non hanno risposto al quesito inviato il 9 aprile scorso dalla commissione mirante a sapere di eventuali infiltrazioni delle cosche nel settore delle vaccinazioni. Nel caso dell'Azienda ospedaliera di Cosenza, ha detto Morra, il dirigente ha opposto un "diniego reciso" motivandolo con motivi di privacy».
Indagini sui vaccini


Le indagini dell'antimafia

«Ci sono tante indagini in corso delle Dda di Reggio Calabria e Catanzaro – ha aggiunto Longo - e mi auguro che si faccia luce su qualche altro episodio perché è assolutamente disdicevole pensare che si possa fare il vaccino perché si è amico o perché è affiliato ad una ‘ndrina di ‘ndrangheta è veramente odioso e non lo tollero assolutamente. Per quanto riguarda poi la presenza della massoneria deviata è un fatto anche questo storicamente accertato».

Indagini sulla vaccinazione

Alcune domande poste dalla commissione sono state segretate, così come parte delle risposte di Longo, sull'eventualità che la 'ndrangheta possa in qualche modo essersi infiltrata nella campagna vaccinale anti Covid favorendo la somministrazione di dosi ad "amici". «Dobbiamo dare atto - ha sottolineato Longo - che tanti medici e personale sanitario e di supporto si è sacrificato. Sarebbe ingiustificata un'accusa a tutto l'apparato. Ovviamente l'apparato è fatto da soggetti e in Calabria abbiamo soggetti, come la storia ci ha dimostrato, un po’ particolari che appartengono alla sanità, anche a fette di politica, alle istituzioni e purtroppo la loro presenza determina senz'altro situazioni che definire incomprensibili è generoso. I controlli adesso sono effettuati dalla protezione civile, ci siamo surrogati, e dall'Esercito e il mio augurio è che questi episodi non si verifichino più. Per gli episodi che si sono verificati sono state interessate le procure che stabiliranno chi sono i soggetti vaccinati, perché e quali vaccini sono stati somministrati».

‘Ndrangheta e massoneria

«Purtroppo - ha detto Longo - la Calabria è piena di logge massoniche e ancor di più sono quelle deviate, quelle i cui elenchi sfuggono alla conoscenza dei più. Negli anni '90 i pentiti hanno parlato della 'santa' il livello massimo della 'ndrangheta che era un concentrato di 'ndrangheta, istituzioni e attività pubbliche varie per costituire veri e propri centri di potere ed erano affiliati i cui nomi era difficile rintracciare. Erano le strutture massime di 'ndrangheta segretissime. Quindi non stiamo scoprendo niente oggi. Sappiamo bene che alcuni medici hanno parentele ingombranti ma abbiamo anche professionisti seri e preparati e delle ottime specialità che però vengono offuscate da altri che fanno ben altro lavoro e non certo per conto della popolazione calabrese».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top