'Meta 2010', tutti condannati anche in appello

Confermato l'impianto accusatorio, già avvalorato in primo grado dal Gup di Reggio Calabria, per i vibonesi coinvolti nel narcotraffico internazionale

di redazione
29 gennaio 2015
12:14

Un totale di 185 anni di carcere per i 17 imputati coinvolti nell'operazione "Meta 2010", coordinata nelle fasi iniziali dalla Procura di Roma e poi passata per competenza alla DDA di Reggio Calabria, e che il 9 novembre del 2012, aveva portato all'emissione di 30 misure cautelari e al sequestro di 2,6 tonnellate di cocaina. Ovvero il quantitativo più grande sui cui le forze dell'ordine hanno messo le mani negli ultimi vent'anni in Europa. Crocevia dei traffici delle sostanze stupefacenti, il porto di Gioia Tauro, dove il gruppo di vibonesi, secondo la tesi dell'accusa, era il tramite fra i colombiani  e i committenti italiani. La condanna della Corte d'Appello reggina, presieduta da Adriana Costabile, ha confermato dunque l'impianto accusatorio, già avvalorato in primo grado dal Gup di Reggio Calabria, Adriana Trapani.

COMMENTI
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top