Popoli in fuga

Migranti, ennesimo sbarco a Roccella Jonica: soccorse 100 persone al largo della costa

Salgono a 18 gli arrivi nella Locride nei primi 4 mesi del 2022. Il sindaco Vittorio Zito ieri ha lanciato un forte appello al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese affinchè il governo attivi strumenti per fronteggiare l’emergenza (ASCOLTA L'AUDIO)

17
di Redazione
17 maggio 2022
10:30
Foto di repertorio
Foto di repertorio

Un centinaio di migranti di varie nazionalità sono sbarcati nella notte nel porto di Roccella Ionica a seguito di un'operazione di soccorso in mare attuata dalla Guardia di finanza. Tra i profughi giunti nell'infrastruttura marittima della cittadina della Locride anche un nutrito gruppo di donne e bambini tra cui alcuni neonati.

Tutti i migranti, prima di arrivare in porto si trovavano a bordo di una barca a vela localizzata a diverse miglia di distanza dalla costa calabrese dalla Fiamme Gialle. Dopo l'arrivo i profughi sono stati sottoposti al test del tampone molecolare da parte del personale specializzato dell'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria e successivamente, su disposizione della Prefettura di Reggio Calabria, sono stati momentaneamente sistemati in un'apposita area dello scalo dove è presente una tensostruttura realizzata nei mesi scorsi e gestita dai volontari della Croce Rossa e della Protezione civile.


Di ora in ora si fa sempre più critica e difficile da gestire la situazione dell'accoglienza. Dopo i tre consecutivi sbarchi di domenica scorsa, sono saliti a 18 gli arrivi nel solo tratto di costa della Locride in questi primi 4 mesi e mezzo del 2022: 17 a Roccella e uno (con due scafisti di nazionalità russa morti per annegamento) a Siderno. Nei dodici mesi del 2021, solo nella struttura portuale roccellese si erano verificati ben 47 "arrivi" dei 55 sbarchi avvenuti nel solo tratto della Locride per un totale di oltre 6 mila migranti.

Proprio ieri il primo cittadino ha lanciato un forte appello al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese affinchè il governo attivi strumenti per fronteggiare l’emergenza. «Dovremmo prepararci a dover gestire numeri cinque volte più grandi rispetto al 2021 - ha affermato Zito -. Significa prepararsi a gestire il soccorso ad oltre 25 mila migranti. Possiamo farlo con un'organizzazione che non ha gli strumenti, gli uomini e le professionalità adeguate? Tra poco non saremo in grado di comprare l'acqua da dare ai migranti e che non saremo in grado di fornire i pasti».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top