‘Ndrangheta, chiusa l’inchiesta “Libro nero” su clan, politica e imprenditori: 19 indagati

VIDEO | Nell’elenco figurano i politici Alessandro Nicolò, Demetrio Naccari Carlizzi e Sebi Romeo (non accusato di mafia), gli imprenditori Demetrio e Francesco Berna. Secondo l’accusa la cosca Libri si era infiltrata nel mondo imprenditoriale e delle istituzioni

21
di Consolato Minniti
8 giugno 2020
14:58

La Dda di Reggio Calabria ha chiuso le indagini dell’inchiesta “Libro nero”. In queste ore è stato notificato, agli indagati, l’avviso di conclusione delle indagini preliminari. Sono 19 le persone finite sotto inchiesta. Fra loro vi sono anche politici di primo piano della città di Reggio Calabria, come Alessandro Nicolò, ex consigliere regionale accusato di associazione mafiosa, Demetrio Naccari Carlizzi, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e Sebi Romeo, non accusato di reati di mafia ma di un tentativo di corruzione. Su quest’ultima posizione, di recente, la Corte di Cassazione si è espressa con un annullamento senza rinvio quanto alla fase cautelare, dando un colpo non indifferente alle accuse.

 

I fratelli Berna

Oltre ai politici, un ruolo di spicco nell’intera inchiesta lo hanno avuto certamente gli imprenditori coinvolti. Nel mirino della Dda, infatti, sono finiti i fratelli Demetrio e Francesco Berna. Quest’ultimo, pochi giorni dopo il suo arresto, ha iniziato a rendere dichiarazioni all’autorità giudiziaria, fornendo i dettagli relativi al modus operandi della cosca Libri nei confronti del mondo imprenditoriale ed è ora accusato di concorso esterno, differentemente dal fratello Demetrio che risponde di associazione mafiosa piena.

 

La posizione di Tortorella

Fra le persone indagate vi era anche Giuseppe Demetrio Tortorella, grimaldello fondamentale per quanto concerne i rapporti della cosca Libri con la politica. Nel periodo intercorrente fra l’esecuzione della misura cautelare e l’avviso di conclusione indagini, purtroppo, Tortorella è deceduto per un male contro cui lottava da tempo e che ne aveva determinato anche la detenzione domiciliare proprio per ragioni di salute.

 

Gli accusati di associazione mafiosa

Sono 12, in totale, le persone accusate di associazione mafiosa piena. Fra loro anche Alessandro Nicolò, ritenuto dagli inquirenti il referente politico della ‘ndrangheta, ed in particolare delle cosche Libri e De Stefano Tegano, nonché delle altre cosche della provincia reggina, stringendo un accordo stabile e permanente, grazie al quale avrebbe ottenuto un ingente pacchetto di voti in occasioni delle consultazioni elettorali, assicurando ai clan benefici di vario genere: dal procacciamento di posti di lavoro, all’attribuzione di incarichi fiduciari negli enti locali, fino alla risoluzione di problematiche presso le pubbliche amministrazioni e l’aggiudicazione di appalti.

Quanto agli appartenenti alla cosca, nella sua componente diretta e militare, emergono le figure di Antonino Caridi e Gianpaolo Sarica, ritenuti promotori e dirigenti del sodalizio ‘ndranghetistico.

 

Il ruolo dell’avvocato

Fra gli indagati, con l’accusa di appartenere alla cosca anche l’avvocato Giuseppe Putorti che, secondo la ricostruzione della Dda, avrebbe prestato la propria professione di difensore, per veicolare messaggi da e verso l’esterno del carcere e così consentire ai capi del sodalizio di comunicare con gli associati ed altri soggetti.

 

Il concorrente esterno

Deve invece rispondere dell’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa Demetrio Naccari Carlizzi, ex assessore regionale e vice sindaco di Reggio Calabria. Secondo i magistrati Stefano Musolino e Walter Ignazitto, Naccari, in occasioni delle competizioni elettorali per il rinnovo degli organismi elettivi delle istituzioni comunali e regionali, chiedeva e riceveva, per sé o per i candidati da lui indicati, i voti raccolti dai rappresentanti delle cosche di ‘ndrangheta nelle aree territoriali di rispettiva pertinenza. Naccari, come controprestazione, avrebbe assicurato la sua disponibilità per garantire ai rappresentanti delle cosche l’aggiudicazione di appalti, la risoluzione di problematiche di vario genere ella pubblica amministrazione, nonché l’assunzione in enti pubblici o privati di affiliati o di soggetti comunque vicini al sodalizio ‘ndranghetistico.

 

La tentata corruzione dei due Romeo

C’è anche Sebi Romeo nell’elenco degli indagati dell’inchiesta “Libro nero”. L’ex capogruppo del Pd in consiglio regionale sembrava fosse stato stralciato dal procedimento principale. Ed invece oggi la sua posizione compare unitamente a quella di Francesco Romeo e di Concetto Laganà. L’accusa è quella ormai nota vicenda di una presunta corruzione da parte di Francesco Romeo, il quale avrebbe offerto informazioni riservate in cambio dell’assunzione di una persona in una ditta di trasporti.

 

L’elenco degli indagati

Antonino Caridi

Giuseppe Libri

Rosa Libri

Saverio Pellicanò

Giuseppe Putortì

Gianpaolo Sarica

Giuseppe Serranò

Giuseppe La Porta

Antonio Presto

Demetrio Berna

Francesco Berna

Stefano Sartiano

Demetrio Naccari Carlizzi

Alessandro Nicolò

Sebastiano Romeo

Francesco Romeo

Concetto Laganà

Pasquale Repaci

Antonio Zindato

 

LEGGI ANCHELibro nero, niente domiciliari per Naccari: la Cassazione annulla con rinvio

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio