'Ndrangheta, sequestrati soldi e armi agli affiliati del clan Alvaro

Tutti gli uomini coinvolti sono stati arrestati nell'operazione della Dda di Reggio Calabria contro il clan Alvaro denominata "Eyphemos"

93
di Redazione
27 febbraio 2020
17:30
Le armi sequestrate
Le armi sequestrate

Mafiosi, armati e pericolosi. Nell'ambito dell'operazione "Eyphemos", che ho portato in carcere 65 persone accusate di essere affiliate alla cosca Alvaro, gli investigatori sono riusciti anche a scovare anche molte armi clandestine finite sono sequestro. Nella disponibilità di alcuni arrestati, infatti, sono stati rinvenuti armi e munizioni, per i quali si è proceduto in via amministrativa al sequestro: 13 fucili, 3 pistole ed il relativo vario munizionamento.

 

Laurendi, ancora tu...

In particolare, a Palmi, è stato arrestato Domenico Laurendi, personaggio centrale nell'inchiesta, elemento di coingiunzione tra i politici collusi e la cosca Alvaro. Il 69enne risultato detentore di una pistola marca Regina, calibro 6,35, priva di matricola e munita di caricatore e cartucce, di un coltello basculante, di un pugnale e di un machete. Laurendi, ricordiamo, è ritenuto responsabile dei reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, con il ruolo di promotore ed organizzatore di una fazione mafiosa all’interno del locale di ‘ndrangheta di Sant’Eufemia d’Aspromonte. A Sant’Eufemia d’Aspromonte, invece, gli investigatori della polizia di Stato hanno tratto in arresto Diego e Domenico Forgione, poiché, in corso di perquisizione domiciliare, sono stati rinvenuti una pistola Beretta modello 70, calibro 7,65, con matricola cancellata mediante l’asportazione di una parte del castello dell’arma; 28 cartucce dello stesso calibro, di cui tre inserite nel caricatore, ed altri due caricatori. I due sono accusati di associazione mafiosa e una serie di altri delitti.

 

Soldi sporchi

Nel corso della vasta operazione di polizia è stato sequestrata un’ingente somma di denaro contante, ed in particolare 62.155 euro e 230 dollari americani di Cosimo Idà  (già vicesindaco del Comune di Sant’Eufemia d’Aspromonte, cognato di Giuseppe Alvaro , ritenuto responsabile del reato di associazione per delinquere di tipo mafioso. E 4430 euro di Domenico Luppino (già responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune di Sant’Eufemia d’Aspromonte, con rapporti costanti con gli altri affiliati e partecipe alla frangia mafiosa riferibile a Laurendi. Inoltre, a Milano, la locale Squadra Mobile su delega di quella di Reggio Calabria, nel corso di perquisizione delegata nei confronti di un soggetto indagato, ha sequestrato la somma di 105.000 euro.

Tutti 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio