Voto di scambio: “Zambetti eletto grazie alle famiglie della ‘ndrangheta lombarda”

Queste le motivazioni della sentenza di condanna dell’ex assessore regionale

di Redazione
24 luglio 2017
16:18
Domenico Zambetti
Domenico Zambetti

Parlano di "un patto di scambio" avvenuto "concretamente" tra l'ex assessore regionale Domenico Zambetti e Eugenio Costantino e Giuseppe D'Agostino come "referenti e portavoce di alcune importanti famiglie mafiose della 'ndrangheta lombarda" le motivazioni della sentenza con cui il Tribunale di Milano a febbraio ha inflitto pene dai 16 anni e mezzo in giù, tra cui 13 e mezzo allo stesso Zambetti, nell'ambito del processo sulle presunte infiltrazioni delle cosche calabresi in Lombardia e sul voto di scambio.

 


Le motivazioni del giudice

Nelle motivazioni il giudice Maria Luisa Balzarotti scrive che il "contraente" di Zambetti è una organizzazione criminale unitaria in cui sono federate le famiglie di 'ndrangheta operanti in Lombardia". E sottolinea che "tale compattezza e unitarietà che rende elevatissimo il potere criminale dell'associazione è nota a Zambetti, ed è ciò che gli garantisce di trarne dal negozio illecito l'utilità che si propone: quella cioè di ottenere un numero di voti di tale entità da assicurare la sua elezione". (Ansa)

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top