Handover

‘Ndrangheta nel Reggino, 33 condanne nel processo contro presunti affiliati al clan Pesce

VIDEO | L’inchiesta aveva fatto luce sugli affari della cosca, dal traffico di droga alle estorsioni passando per la gestione della grande distribuzione  

26
di Redazione
17 ottobre 2022
21:48

Condanna per i 33 imputati del processo "Handover-Pecunia Olet", svoltosi con rito abbreviato davanti al Gup distrettuale di Reggio Calabria, Giovanna Sergi. È il risultato dell'inchiesta condotta dalla Dda sulla cosca di 'ndrangheta Pesce di Rosarno sulla base di indagini della Squadra mobile reggina, del Ros dei carabinieri e del Gico della Guardia di finanza.

Le condanne

Le condanne più pesanti, 20 anni di reclusione, sono state inflitte - riporta l'ansa - a Rocco Pesce ed a tre imputati omonimi, Antonino Pesce, mentre 18 anni e 8 mesi sono stati comminati a Giuseppe Cacciola. A 14 anni sono stati condannati Savino ed Antonino Pesce ed a 13 un altro Antonino Pesce. I reati contestati agli imputati erano associazione per delinquere di tipo mafioso e detenzione e porto illegali e ricettazione di armi, estorsione e favoreggiamento personale, aggravati dal metodo mafioso, e traffico di sostanze stupefacenti.


LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta, le mani dei Pesce sulla Piana: dalle estorsioni al Porto di Gioia alla grande distribuzione

L'indagine che ha portato al processo, avviata nell'aprile del 2021 e nell'ambito della quale erano state arrestate, complessivamente, 53 persone, aveva consentito di disarticolare le proiezioni della cosca Pesce sia sul fronte delle attività tipicamente criminali connesse alla gestione del traffico di droga ed alle estorsioni ed al "controllo" delle commesse di lavori nel porto di Gioia Tauro, sia sul fronte economico-imprenditoriale, colpendo la gestione monopolistica da parte del gruppo criminale della grande distribuzione alimentare.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top