NDRANGHETA: PROCESSO D'APPELLO PER LA "MAFIA DELL'ARIOLA"

Le richieste del pm Marisa Manzini nei confronti dei presunti esponenti della cosca delle preserre vibonesi

18 giugno 2014
00:00

CATANZARO - Una condanna all'ergastolo e pene variabili dai sei mesi ai 10 anni sono state chieste nel processo d'appello nei confronti dei presunti esponenti delle cosche della 'ndrangheta delle Preserre vibonesi. Le richieste di condanna sono state avanzate dal sostituto procuratore generale, Marisa Manzini, nel corso del processo in corso davanti ai giudici della Corte d'Assise d'appello di Catanzaro. Richiesta della condanna all'ergastolo per Vincenzo Loielo, di 67 anni, assolto in primo grado dall'accusa di essere l'autore del duplice omicidio di Rocco Maiolo ed Emanuele Fatiga. Le altre richieste di condanna riguardano: Damiano Zaffino 2 anni; Enzo Taverniti 3 anni; Piero Sabatino 8 anni (quattro anni e cinque mesi in primo grado solo per il reato di droga); Rocco Oppedisano 3 anni; Francesco Maiolo 4 anni; Angelo Maiolo 8 anni; Giuseppe Larobina, 2 anni; Michele Ganino, sei mesi; Antonino Forastefano 10 anni e 4 mesi. 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top