Inchiesta Helvetia

‘Ndrangheta, processo sulla cosca in Svizzera: 9 assolti dalla Corte d’appello

I giudici di secondo grado di Reggio Calabria ribaltano sentenza con la quale il tribunale di Locri aveva condannato tutti gli imputati a pene da 10 a 13 anni

16
di Redazione
3 novembre 2021
15:28

In Appello sono stati tutti assolti gli imputati del processo nato da una costola dell'inchiesta Helvetia, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, su un'associazione a delinquere di stampo mafioso operante nella cittadina svizzera di Frauenfeld. In primo grado, il Tribunale di Locri aveva condannato nove persone a pene tra i 10 e i 13 anni di carcere.

L'accusa per tutti era di aver fatto parte di un gruppo criminale legato al Crimine di Polsi e in contatto con la società di Rosarno e la locale di Fabrizia, paese di origine di gran parte degli imputati. Dopo il processo di secondo grado, la Corte d'Appello di Reggio Calabria ha ribaltato la sentenza del Tribunale di Locri. Con la formula "perché il fatto non sussiste" sono stati assolti Rocco Antonio Cirillo, Brunello Nesci ritenuti rispettivamente capo locale di Frauenfeld e componente della "società maggiore" e "mastro di giornata".


Sono cadute le accuse anche nei confronti dei presunti partecipi all'associazione mafiosa: Angelo Rullo, Cosimo Laporta, Giovanni Manno, Giovanni De Masi, Sandro Iacopetta, Francesco Lombardo e Giulio Nesci.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top