Omicidio Bellocco, ergastolo per il 33enne che uccise la madre

Confermata in appello la condanna per Francesco Barone, il 33enne di Rosarno accusato di aver assassinato Francesca Bellocco. La sera dell’omicidio scomparve anche Domenico Cacciola, secondo l’antimafia, vittima di lupara bianca

35
di Redazione
2 febbraio 2019
06:09
Francesco Barone e Francesca Bellocco
Francesco Barone e Francesca Bellocco

È stato confermata la condanna all’ergastolo in appello per Francesco Barone, il 33enne di Rosarno accusato di avere ucciso sua madre, Francesca Bellocco. La sentenza è stata emessa dalla Corte d’assise d’appello di Reggio Calabria che ha accolto la richiesta di conferma della condanna di primo grado da parte del sostituto procuratore della Dda reggina Adriana Sciglio.

 

Secondo la Procura, Barone avrebbe ucciso sua mamma, dopo aver scoperto che la donna intratteneva una relazione extraconiugale con Domenico Cacciola, scomparso la sera dell’omicidio della Bellocco e, secondo l’antimafia, vittima di lupara bianca.


Scoperti già una prima volta, Bellocco e Cacciola continuarono comunque a vedersi. Una decisione che equivalse a una sentenza di morte per entrambi. Secondo quanto ricostruito dalla Procura antimafia, il duplice omicidio sarebbe stato il sacrificio da compiere per evitare una faida tra le due famiglie di ‘ndrangheta, quelle dei Cacciola e dei Bellocco. Per la Dda, infatti, a uccidere Domenico Cacciola sarebbero stati i suoi figli anche se, al contrario dell’omicidio Bellocco, gli inquirenti non hanno ancora prove certe per intentare un processo.

 

Fondamentale per le indagini fu la testimonianza di un vigile urbano che vicino di casa della famiglia Barone e che, solo dopo diverso tempo, raccontò di aver sentito delle urla, la notte in cui la Bellocco scomparve, e la richiesta di perdono della donna. L’uomo raccontò di aver visto tre uomini incappucciati, giungere a bordo di un’auto in casa Bellocco. Poi le urla e infine il figlio uscito con una Panda.

 

Tutti elementi, assieme alle dichiarazioni della testimone di giustizia Giuseppina Multari, che hanno convinto i giudici della colpevolezza di Barone, condannato al carcere a vita. Una tesi sposata anche dalla Corte d’assise d’appello di Reggio Calabria che ha confermato la condanna all’ergastolo per Francesco Barone.

 

LEGGI ANCHE:

Francesco Barone: l’affiliato che condannò a morte la madre - VIDEO

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio