Operazione Nuove leve a Lamezia Terme, assolti due imputati

Entrambi erano stati condannati in primo grado. La Corte d'Appello riforma la sentenza perché il fatto non sussiste

di Luana  Costa
25 maggio 2020
13:20

Il fatto non sussiste. È con questa formula che la Corte d'Appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado emessa nel luglio scorso dal Tribunale di Lamezia Terme disponendo la scarcerazione di Pasquale Mercuri e Francesco Morello, coinvolti nell'inchiesta Nuove Leve.

Entrambi erano accusati di associazione mafiosa e, in particolare, di appartenere al clan Giampà di Lamezia Terme. In primo grado erano stati condannati rispettivamente ad una pena di 12 anni e 7 anni di reclusione. 

Questa mattina la Corte d'Appello di Catanzaro ha emesso una nuova sentenza assolvendo i due imputati dai reati perchè il fatto non sussiste. Disposta, inoltre, la scarcerazione e la revoca delle pene accessorie. Il collegio difensivo è composto dall'avvocato Antonio Larussa e Domenico Villella.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio