Operazione Reventinum, Luciano Scalise respinge le accuse

Nell'ordinanza viene indicato come presunto mandante dell'omicidio dell'avvocato Pagliuso a Lamezia

di Tiziana Bagnato
3 febbraio 2019
16:13

Ha negato qualunque tipo di coinvolgimento nell'omicidio dell'avvocato Francesco Pagliuso Luciano Scalise,  membro dell'omonima cosca. Nell'ordinanza dell'operazione Reventinum Scalise viene indicato come il presunto mandante dell'assassino maturato per punire il noto penalista dell'avere scelto di difendere i Mezzatesta,  clan rivale. Dal carcere di Terni nel quale si trova detenuto Luciano Scalise,  difeso dagli avvocati Chiodo e Larussa,  ha risposto al Gip nell'ambito dell'interrogatorio di garanzia negando ogni addebito. I suoi legali hanno contestato e chiesto l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare asserendo la genericità delle accuse.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio