L’allarme

Peste suina africana, massima allerta nel Vibonese: «Nessun rischio per l’uomo»

Francesco Massara, presidente dell’ordine dei veterinari e dirigente della sanità animale dell’Asp di Vibo illustra le misure di prevenzione da adottare

96
di Cristina Iannuzzi
30 gennaio 2022
10:52

Una nuova minaccia incombe sugli allevatori calabresi. E’ la peste suina africana. Un virus che colpisce i suini domestici e selvatici. L’infezione provoca la morte degli animali ma non è trasmissibile all’uomo. Il virus partito dalla Cina un anno fa è già arrivato in Italia.
Diversi i focolai registrati in alcune zone della Liguria e del Piemonte. L’allerta è dunque massima. A Vibo Valentia l’Asp ha sottoscritto un protocollo indirizzato alle aziende. Il documento prevede una serie di misure di prevenzione che riguardano le operazioni di trasporto e di movimentazione degli animali.

Insieme a Francesco Massara, presidente dell’ordine dei veterinari, nonché dirigente della sanità animale dell’Asp di Vibo, raggiungiamo uno dei più grandi allevamenti di suini del Vibonese. Si trova a Dasà. E’ l’azienda agricola di Giuseppe Altamura. Prima di varcare l’ingresso, il medico veterinario indossa i dispositivi di protezione individuale. Davanti ai cancelli le vasche per disinfettare scarpe e ruote dei camion in transito.

«Bisogna adottare tutte le misure per impedire la veicolazione di un virus che se dovesse arrivare da noi, provocherebbe gravi danni all’economia del territorio. La peste suina – chiarisce – non si trasmette all’uomo ma in caso di animali infetti bisogna abbattere tutti i capi».
Il virus è molto contagioso e può resistere alcune settimane nella carne refrigerata e molti mesi in quella congelata, può ritrovarsi nei prosciutti ed insaccati dopo brevi periodi di stagionatura.


Il titolare dell’azienda agricola di Dasà non nasconde la preoccupazione per un virus che minaccia la sua storica attività. «Stiamo adottando tutte le misure per impedire il contagio», spiega Giuseppe Altamura.
Il medico veterinario ribadisce come non ci siano rischi per l’uomo: «Abbiamo stipulato il protocollo per mettere in allerta tutti gli allevatori di suini, ma anche per chiedere alla popolazione di segnalare tempestivamente ai nostri uffici l’eventuale presenza di cinghiali morti».

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top