Il caso

Pizzo, lettere e bollette non consegnate buttate per strada: indagini

Si cerca di capire chi e perché abbia depositato la corrispondenza nei pressi del palazzo municipale senza consegnarla ai destinatari

79
di Redazione
1 novembre 2021
07:37

Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza (art. 616 del codice penale). Questa l’ipotesi di reato sulla quale indagano i carabinieri delle Stazioni di Pizzo e Filadelfia dopo il ritrovamento di diverse lettere, raccomandante, corrispondenze, bollette e solleciti di pagamento rinvenuti a due passi dal municipio di Pizzo e dalla sala consiliare.

A coordinare le indagini, la Procura di Vibo Valentia diretta da Camillo Falvo che ha provveduto a richiedere al gip la convalida del sequestro di tutto il materiale rinvenuto e che i carabinieri stanno provvedendo in queste ore a catalogare. Diversi gli scatoloni ed i plichi ritrovati aperti dai carabinieri. Si cerca di capire chi e perché abbia depositato la corrispondenza nei pressi del municipio senza consegnarla ai destinatari. Diverse le piste seguite e non si esclude al momento alcuna ipotesi.


guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top