La sentenza

Processo Sangue infetto, assolto dopo 10 anni l’ex primario Marcello Bossio

La sentenza è stata emessa stamattina nel processo di appello bis. La Corte si è espressa dopo l’annullamento della Cassazione

11
di Antonio Alizzi
3 novembre 2021
14:36

Nella tarda mattinata di oggi, mercoledì 3 novembre 2021, la Corte di Appello di Catanzaro, decidendo a seguito del rinvio disposto dalla Suprema Corte di Cassazione, ha posto la parola fine alla cosiddetta vicenda giudiziaria, denominata Sangue infetto, assolvendo il dottore Marcello Bossio, già primario del centro trasfusionale dell’ospedale di Cosenza, dalla imputazione di aver causato la morte del paziente Cesare Ruffolo mediante la somministrazione di una sacca di sangue contaminata da un batterio, previa riqualificazione dei reati dolosi originariamente contestati nelle corrispondenti ipotesi colpose, con la formula per non aver commesso il fatto.

Il collegio giudicante ha accolto le richieste formulate dal suo difensore, l’avvocato Nicola Carratelli. In primo grado il Tribunale di Cosenza aveva ritenuto Marcello Bossio responsabile dei reati di omissione di atti d’ufficio, di somministrazione di medicinale imperfetto e della morte del paziente come conseguenza di tale reato, irrigandogli la pena complessiva di 2 anni di reclusione. La Corte di Appello di Catanzaro, nel luglio del 2020, aveva confermato tale decisione.


Nel febbraio di quest’anno, la Corte di Cassazione, in accoglimento del ricorso proposto dal difensore di Marcello Bossio, aveva annullato la sentenza della Corte di Appello affermando come nella fattispecie non potesse ravvisarsi alcun profilo di dolo ed invitando il Giudice del rinvio a valutare tutti gli elementi del caso concreto escludenti una responsabilità penale del Bossio.

Oggi la decisione della Corte di Appello che ha deciso, appunto, in sede di rinvio del procedimento dalla Corte di Cassazione, accolta con grande commozione dal Bossio, il quale ha ricordato la sofferenza patita nei quasi 10 anni in cui è stato sotto processo.

Nel processo si erano costituiti parte civile gli eredi del Ruffolo e diverse associazioni di categoria.

Gli eredi di Cesare Ruffolo avevano altresì intentato azione civile di risarcimento dei danni nei confronti del Ministero della Salute, dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza, nonché dei sanitari Bossio e Perfetti e tale giudizio è ancora pendente.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top