Quinta bolgia, la Cassazione si pronuncia per i Putrino

La decisione interessa Pietro e Diego Putrino coinvolti nell'inchiesta della Dda. Il Riesame chiamato a pronunciarsi sulle esigenze cautelari

10
di Luana  Costa
28 marzo 2019
15:40
Pietro Putrino
Pietro Putrino

Cassata l'ipotesi di turbata libertà della scelta del contraente ma non l'accusa di associazione per delinquere di stampo mafioso. Così si è espressa la Corte di Cassazione sull'istanza di revoca della misura cautelare disposta per Pietro Putrino coinvolto nell'inchiesta Quinta Bolgia, l'operazione scattata a Lamezia lo scorso ottobre che ha portato, tra gli altri, all'arresto dell'ex parlamentare Pino Galati. La Suprema Corte chiamata a pronunciarsi sul ricorso avanzato dall'avvocato Francesco Gambardella ha annullato senza rinvio la misura cautelare disposta per il reato di abuso d'ufficio riqualificato successivamente in turbata libertà della scelta del contraente. Annullata ma con rinvio al Tribunale del Riesame di Catanzaro affinché valuti eventuali esigenze cautelari, invece, l'ordinanza relativa all'associazione per delinquere di stampo mafioso. Stesso pronunciamento per Diego Putrino, accusato di associazione mafiosa. La Corte di Cassazione ha annullato la misura con rinvio al Tribunale della Libertà. 

 

LEGGI ANCHE:

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio