Il blocco

Rifiuti, dal 28 febbraio chiude l’impianto di Lamezia: «Avanziamo oltre 4 milioni di euro»

Da lunedì cancelli chiusi per il sito di stoccaggio di umido e indifferenziato di alcuni comuni del Catanzarese e tutto il Lametino. L'amministratore delegato della società che gestisce la raccolta: «La situazione non è più sostenibile»

178
di Redazione
25 febbraio 2022
21:00
Nel riquadro Salvatore Mazzotta
Nel riquadro Salvatore Mazzotta

«Siamo costretti a chiudere i cancelli dell’impianto sito nell'area industriale di Lamezia ed a bloccare i conferimenti dei comuni dell’Ato di Catanzaro a causa dei mancati pagamenti della stessa Ato, già a partire da lunedì 28 Febbraio 2022»- Lo afferma in una nota Salvatore Mazzotta, Amministratore Delegato della Logica Scarl (ex Daneco) che gestisce l'impianto lametino.

«Vantiamo un credito di oltre quattro milioni di euro - si legge -, tra servizi e lavori di riefficientamento. Questo mese non siamo riusciti a pagare gli stipendi ai nostri dipendenti. La situazione non è più sostenibile neanche con i vari fornitori. Dopo due anni di efficienza e di qualità, purtroppo torneranno i rifiuti in mezzo alla strada ed i sindaci morosi se ne assumeranno la responsabilità».


L'impianto Tmb (trattamento meccanico biologico) sito nell'area industriale di Lamezia Terme attualmente accoglie per il trattamento i rifiuti indifferenziati e l'umido di tutto i comuni del lametino e di alcuni comuni della provincia di Catanzaro.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top