Rinascita Scott, l'avvocato Diddi contro tutti: scontro con il pm e il tribunale

Toni accesi nel corso del controesame del collaboratore Andrea Mantella da parte del legale di Mario De Rito che ha un battibecco anche con un collega

813
di Giuseppe Baglivo
6 luglio 2021
20:24

“Scintille” in aula nel corso del maxiprocesso Rinascita Scott fra l’avvocato Alessandro Diddi (difensore di Mario De Rito) e l’avvocato Diego Brancia (difensore di atri imputati), ma anche  fra lo stesso Diddi e il pm Annamaria Frustaci. “Botta e risposta” pure fra l’avvocato Diddi e il procuratore Nicola Gratteri ed infine fra il legale ed il collaboratore Andrea Mantella.Quello che sta succedendo in questa udienza – ha dichiarato in aula il pm Frustaci opponendosi ad una domanda rivolta dall’avvocato al collaboratore Mantella – non era mai successo. E’ un modo di fare che non si è mai visto e non ho mai assistito a nulla del genere”. Risposta dell’avvocato Diddi al pm: “Si abitui, pubblico ministero, perché l’esame è lungo”. Toni decisamente sopra le righe che la presidente del Tribunale collegiale di Vibo Valentia, Brigida Cavasino, ha tentato di contenere richiamando più volte l’avvocatoDiddi a formulare domande specifiche e pertinenti. 

Ad opporsi ad alcune domande formulate da Alessandro Diddi al collaboratore Andrea Mantella sui rapporti intrattenuti da Mario De Rito con Enzo Barba, Bruno Barba e Raffaele Barba, detto Pino Presa, anche l’avvocato Diego Brancia.Si tratta di un controesame esplorativo – ha affermato Brancia – che va a ledere altre posizioni processuali”.Ed ancora l’avvocato Brancia: “L’intervento dell’avvocato Diddi è estremamente dannoso e si fanno danni incontenibili con questo tipo di controesami. Si legga l’avvocato l’Arte del dubbio che trattano proprio questo modo di condurre i controesami. Formulo ulteriore opposizione rispetto a domande su temi non esplorati dal pm”. Di rimando l’avvocato Diddi: “L’avvocato Brancia legge molto ma capisce poco”. E’ a questo punto che l’avvocato Brancia ha ricordato al collega che esiste nel codice penale il “reato di diffamazione regolato dall’articolo 595 del codice penale. Non vorrei – ha dichiarato l’avvocato Brancia rivolgendosi al collega – scomodare il Consiglio di disciplina di Roma”. Tribunale, quindi, costretto nuovamente ad intervenire per invitare tutti a moderare i toni.


Ma siamo appena all’inizio. Intorno alle ore 14.00 ad opporsi ad una domanda dell’avvocato Diddi è direttamente il procuratore Nicola Gratteri, con il legale che quasi “rimprovera” il capo della Procura a non essere stato presente al resto del controesame. “Ritengo io quando devo entrare o meno in aula – ha ribattuto Gratteri all’avvocato Diddi – e non si deve proprio permettere, così come l’ufficio di Procura non si è mai permessa di dire ad un difensore quanto tempo è stato in aula”. 

Passano altri dieci minuti e nuovo “scontro” in aula, questa volta con il pm Annamaria Frustraci che si è opposta ad un’ulteriore domanda del difensore ritenuta troppo generica. Chiedo al Tribunale di ammonire il pubblico ministero – l’invito dell’avvocato Diddi rivolto ai giudici – perché fa opposizione fornendo una spiegazione alle mie domande. E’ un atteggiamento ostruzionistico e il pubblico ministero si oppone alla ricostruzione della verità”. Ferma la risposta del pubblico ministero Annamaria Frustaci: “Chiederò la trasmissione di questo verbale di udienza agli organismi competenti, non sto facendo alcun ostruzionismo ma mi sto opponendo a domande generiche dove addirittura si sta parlando di sociologia sulle estorsioni”. Anche la presidente del Tribunale, Brigida Cavasino, è stata costretta a richiamare l’avvocato Diddi che aveva invocato “rispetto per il lavoro dei difensori”. “Non insinui nessun atteggiamento ostruzionistico da parte del Tribunale – ha ricordato la presidente Cavasino – perché come ben sa alcune sue domande sono state ammesse nonostante l’opposizione del pubblico ministero, ma non sono consentiti questi toni e domande generiche su temigià esplorati, né siamo qui per fare continue polemiche o tavole rotonde”.

L’avvocato Diddi si è scusato con il Tribunale ma il “botta e risposta” con il pubblico ministero è andato avanti sino a fine udienza, con Andrea Mantella pure lui “sbottato” più volte nel corso del controesame e anche lui richiamato dal Tribunale. In mezzo a tutto ciò, il collaboratore ha ribadito che l’imputato Mario De Rito, “cognato di Salvatore Mantella e vicino a Giovanni Mancuso, era anche vicino a Salvatore Furlano, commesso nel negozio Giannini di abbigliamento a Vibo. Un negozio dove Mario De Rito si prendeva i vestiti con il 50% di sconto e dove un altro po’ – ha riferito Mantella – comandava più Salvatore Furlano che si dedicava pure all’usura”.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top