Rinascita Scott, la provincia di Vibo in mano al super boss Luigi Mancuso: il video

Arrestato nel corso dell'ultima operazione della Dda, per gli inquirenti era al vertice della cosiddetta "caddara" ed intratteneva stretti rapporti con le cosche del Reggino

409
di Giuseppe Mazzeo
22 dicembre 2019
09:02
Luigi Mancuso
Luigi Mancuso

Ci sono le 'ndrine, ci sono i locali. Ma soprattutto c’è la provincia, in senso geografico e mafioso. Ed un capo crimine che la comanda. Per la Dda e i carabinieri non ci sono dubbi: è Luigi Mancuso il capo dei capi della 'ndrangheta vibonese.

 

Riconosciuto dal “Crimine” di Polsi, e storico detentore del potere 'ndranghetistico formale e sostanziale su tutta la provincia, in virtù del suo carisma criminale, degli strettissimi rapporti con le cosche Piromalli di Gioia Tauro e Pesce di Rosarno, dei collegamenti con le più potenti famiglie ‘ndranghetistiche del Reggino, rappresentava il vertice assoluto dell'intera area, cui facevano capo le altre articolazioni criminali.

 

Luigi Mancuso è stato arrestato sul treno, a Lamezia Terme, la sera prima del maxi-blitz Rinascita-Scott, mentre tornava da Milano. I carabinieri del Gruppo d’intervento speciale lo hanno bloccato in mezzo agli altri passeggeri. 

 

Il boss di Limbadi, 65 anni, era al vertice della cosiddetta “caddara” insieme a coloro che avrebbero costituito una sorta di direttorio della ‘ndrangheta vibonese: i sangregoresi Rosario Fiarè e Saverio Razionale e il capobastone del Poro Peppone Acccorinti.

 

Ucciso perché gay, la condanna a morte dei Lo Bianco per Gangitano

Rinascita Scott, chiuso il cerchio sui fatti di sangue del Vibonese dal 1996 al 2018

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio