Rivelazione di segreto d'ufficio, passa ai domiciliari il carabiniere Naselli

Questa mattina interrogatorio di garanzia per Marzia Tassone, accusata di corruzione in concorso con il magistrato Marco Petrini

45
di Luana  Costa
18 gennaio 2020
13:49
Giorgio Naselli
Giorgio Naselli

Lascia il carcere per la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari, Giorgio Naselli, tenente colonnello dei carabinieri coinvolto nell'inchiesta Rinascita Scott, con l'accusa di rivelazione di segreto d'ufficio. Figura legata a filo doppio a quella del penalista catanzarese Giancarlo Pittelli.

A lui avrebbe infatti fornito informazioni riguardanti alcune indagini in corso. Questa mattina il Tribunale del Riesame ha alleggerito la misura disposta dal Gip in fase di convalida. 

Sempre questa mattina è comparsa dinnanzi al Gip del Tribunale di Catanzaro Maria detta Marzia Tassone, l'avvocatessa catanzarese coinvolta nell'inchiesta Genesi e accusata di corruzione in concorso con il magistrato Marco Petrini. I due immortalati dalle telecamere posizionate all'interno dell'ufficio della commissione tributaria dalle fiamme gialle crotonesi avrebbero consumato rapporti sessuali. L'avvocatessa, agli arresti domiciliari, dallo stretto rapporto intrattenuto con il magistrato avrebbe ottenuto vantaggi riguardanti l'esito dei procedimenti in corso. L'interrogatorio per oltre due ore, durante le quali l'avvocatessa ha risposto alle domande del Gip.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio