Rossano, chiusa un’ala del polo Covid all'ospedale Giannettasio

L’emergenza coronavirus rallenta ma restano i problemi legati al poco personale e ai tamponi dopo il nuovo stop della macchina. Intanto il sindaco Stasi finisce al centro delle polemiche per un filmato nel quale incontra studenti senza mascherina

290
di Matteo Lauria
16 giugno 2021
19:10
L’ospedale di Rossano
L’ospedale di Rossano

Si è notevolmente abbattuto il dato dei pazienti Covid a Corigliano-Rossano. Sono state adottate anche le prime misure, tra cui la chiusura di un’ala del Polo Covid di Rossano, mentre il personale è stato spalmato nei reparti e ambulatori di Cariati, Corigliano e Rossano. S'ipotizza la conversione del reparto in pneumologia. Nella divisione risultano 9 degenze e non più 38 come quando era a pieno regime non più di qualche settimana fa.

Macchina tamponi ferma

È sui tamponi che restano problemi. Al “Nicola Giannettasio” la macchina è di nuovo ferma e il disagio produce ripercussioni in pronto soccorso sia per gli acuti sia per chi è destinato con base di ricovero nei reparti. Il personale destinato all’emergenza è ancora sottodimensionato (ben sette medici dichiarati non idonei tra le postazioni di Corigliano e di Rossano), medici, infermermieri, ausiliari e oo.ss. rinnovano, in una lettera, l’invito al commissario dell’Asp Vincenzo La Regina di mantenere l’impegno assunto il 21 maggio scorso proteso a risolvere il problema del numero dei sanitari ridotto a lumicino a tal punto da non poter far fronte al piano ferie. A Corigliano problemi anche in radiologia per mancanza di medici. 


La campagna vaccini 

Nel frattempo nell’hub regionale del Palabrillia e negli altri centri vaccinali si continua spediti nelle attività. La macchina, dopo una serie di infinite polemiche, è ormai collaudata e continua nel processo di vaccinazione. Tuttavia, si registra una sottile abbassamento della guardia nei rapporti con il virus che, seppur rientrato, continua a circolare.

Stasi e la mascherina

Su questo punto ha fatto discutere un video, divenuto virale, in cui si riprende il sindaco Flavio Stasi in piazza con gli studenti, senza mascherina, a canticchiare “Notte prima degli esami” come augurio ai ragazzi. Sull’episodio i consiglieri comunali di minoranza Gino Promenzio e Francesco Madeo hanno chiesto l’intervento delle autorità competenti affinché il primo cittadino venga sanzionato e richiamato al rispetto delle regole.  

 

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top