Dal coma alla vita, torna a casa la bimba caduta dal terzo piano a Sangineto

Dallo scorso 3 agosto la piccola di quattro anni si trovava ricoverata all'ospedale Annunziata di Cosenza, dov'era giunta in condizioni disperate. Grazie alle cure dei medici, oggi sta bene. La comunità: «È un miracolo»

di Francesca  Lagatta
6 settembre 2019
12:49

La bimba di 4 anni caduta dal terzo piano della sua abitazione a Sangineto lo scorso 3 agosto sta bene ed oggi potrà finalmente tornare a casa. La piccola si trovava ricoverata all'ospedale Annunziata di Cosenza, dov'era giunta in condizioni disperate a bordo dell'eliambulanza. «Si tratta di un miracolo», dicono nella sua comunità. Per molti non c'è altra spiegazione, perché quando la bimba era arrivata al nosocomio bruzio la situazione era disperata e a rendere difficile ogni cosa ci si era messo un ematoma alla testa di ampie dimensioni. Anche il risveglio dal coma indotto era risultato difficile e in un primo momento i medici avevano dovuto rinviarlo. Nelle stesse ore, le comunità di Sangineto e di Belvedere Marittimo, nelle quali i genitori sono molto conosciuti, si erano unite in preghiera per chiedere la sua guarigione. Quattro giorni più tardi, grazie al professionalità dei medici, la piccola era stata dichiarata fuori pericolo. Nonostante ciò, la ripresa sembrava lenta e tutta in salita, ed oltretutto, a preoccupare la famiglia, erano le possibili conseguenze. Invece per la piccola di Sangineto è filato tutto liscio e oggi è una bambina perfettamente sana e piena di vita, come lo era prima dell'incidente.

La drammatica caduta

Secondo quanto ricostruito nelle ore successive, dopo il pranzo che aveva riunito a tavola tutta la famiglia la piccola sarebbe salita al piano superiore dello stabile e si sarebbe affacciata al balcone, attirata dalle urla dei cuginetti che giocavano nel cortile sottostante. Successivamente, si sarebbe arrampicata su una sedia e sporta oltre la ringhiera, precipitando giù per circa 9 metri. Sarebbe accaduto tutto in una manciata di secondi. Per atto dovuto, la procura di Paola ha aperto un fascicolo di indagine sulla vicenda, ma sulla buona fede dei genitori, noti imprenditori nel settore caseario, nessuno mai ha avuto dei dubbi. Nella piccola comunità di Sangineto tutti li descrivono come genitori premurosi e attenti che hanno messo in piedi una famiglia numerosa e che, solo per una tragica fatalità, quel giorno non sono riusciti ad impedire la caduta della loro ultimogenita. Ma, per fortuna, tutto questo a breve diventerà solo un brutto ricordo.

 
LEGGI ANCHE:

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio