Sanità Locride, riflessione tra politica e cittadini: «Servono investimenti dell’Asp»

VIDEO | L'incontro promosso a Siderno dal comitato pro-casa della salute. Calabrese: «All'ospedale di Locri mancano 17 primari. Aspettiamo risultati»

di Ilario  Balì
18 giugno 2021
22:55

Potenziare i servizi sanitari territoriali, mantenere la sede del distretto a Siderno e spingere per accelerare i tempi di realizzazione della casa della salute. Dopo le proteste domenicali il comitato degli attivisti sidernesi vuole mantenere alta l’attenzione sui temi della sanità nella Locride attraverso un momento di riflessione con le istituzioni locali e addetti ai lavori.

«Auspichiamo una sanità che risolva i problemi soprattutto di chi vive nei paesi dell’entroterra – ha detto il portavoce del comitato sidernese Francesco Martino - è una visione complessiva che noi vogliamo affrontare con tutti per aiutare il territorio. Se abbiamo una sanità efficiente si può sviluppare un turismo di un certo livello, con un occhio di riguardo agli anziani».


Di certo c’è che la pandemia poteva rappresentare l’occasione per potenziare i servizi sanitari nella fascia ionica reggina, ma in 15 mesi nulla è stato fatto.  «I cittadini sono stati abbandonati al loro destino senza assistenza – è il pensiero del sindaco di Locri Giovanni Calabrese - Con la guida di Scaffidi registriamo un inizio di inversione di rotta. A lui abbiamo chiesto la nomina di un direttore sanitario capace, esperto e competente.  L’atto aziendale, che abbiamo bocciato, non risolve nulla. Aspettiamo dei risultati, vediamo se c’è voglia di cambiare le cose. Chiediamo che vengano espletati i concorsi. Mancano 17 primari, devono essere assunti medici, bisogna investire in attrezzatture e riorganizzazione dell’ospedale».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top