«Si faceva le mangiate mentre il fratello moriva…»: i racconti del pentito nell'ultima puntata del format Rinascita Scott

VIDEO | Il collaboratore Emanuele Mancuso ricostruisce legami e dissidi interni al clan nel finale di stagione del programma condotto da Pino Aprile e Pietro Comito

241
di Redazione
23 giugno 2021
19:31

«Che lui è un boss che comanda non c'è dubbio... ma ha dei limiti perché lì ci sono tanti soggetti, deve crearsi il suo spazio». A parlare così agli inquirenti è il collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso che tratteggia il profilo dello zio Francesco Mancuso alias Tabacco.

Ci fu un momento in cui il clan fu sull’orlo di una guerra interna. Era l’estate del 2003. A raccontare cosa accadde è proprio il primo storico pentito della potente famiglia ‘ndranghetista egemone nel Vibonese. Il 9 luglio di quell’anno fu ucciso Raffaele Fiamingo. Con lui rischiò di morire Francesco Mancuso che rimase gravemente ferito.  «Quando lo avevano sparato – racconta Emanuele Mancuso agli inquirenti - ci sono state molte critiche nei confronti di Diego Mancuso (fratello di Francesco, ndr), faceva le mangiate mentre lui (Francesco Mancuso) stava morendo... lui non voleva andare in ospedale, il figlio l'ha costretto. Questo per una questione di non apparire che era stato fatto sparare».


L’agguato sarebbe maturato nell’ambito di una serie di contrasti tra due fazioni del clan che visse un momento di intensi contrasti interni.   Emanuele Mancuso racconta anche dei rapporti difficili di “Ciccio Tabacco” con la famiglia, con Luigi Mancuso («lo odia, lo detesta..»), c'era chi – secondo il pentito – lo voleva morto «Cosmo lo voleva fare uccidere...».

Le dichiarazioni del collaboratore agli atti del maxiprocesso Rinascita Scott trasmesse nel corso del format condotto da Pino Aprile e Pietro Comito.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top