San Ferdinando, la tendopoli non chiude. Il sindaco: «Più regole per evitare contagi»

VIDEO | Tra le misure adottate dal Comune, previsto l'utilizzo di termoscanner per misurare la temperatura. Chiusa inoltre la moschea e avviata la sanificazione del campo 

93
di Agostino Pantano
15 marzo 2020
07:27

Moschea chiusa dentro la tendopoli di San Ferdinando e sanificazione del campo attraverso anche la distribuzione ai migranti di liquido igienizzante. Sono queste le misure adottate dal Comune di San Ferdinando, in raccordo con la prefettura di Reggio Calabria, in esecuzione del decreto “io resto a casa”.

L’attendamento non verrà alleggerito dalla presenza dei braccianti, rimangono poco meno di seicento gli ospiti stipati cinque per volta nelle tende installate a suo tempo, ha spiegato il sindaco Andrea Tripodi che ha così spiegato la trasformazione della tendopoli da trincea di una emergenza economico-sociale, in trincea per il contenimento del potenziale contagio del coronavirus.


Il primo cittadino ha riferito che a breve il personale verrà dotato di termoscanner per misurare la temperatura.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio