La provocazione

Terremoto in Calabria, nessun dorma: tornare a letto dopo una scossa è davvero una colpa?

Questa notte, con il sisma che ha scosso mezza regione, si è avuta la dimostrazione plastica di quanto sia assurda la decisione con cui i giudici dell’Aquila hanno ritenuto corresponsabili le vittime del 2009 per non aver lasciato le loro case dopo i primi movimenti tellurici

772
di Salvatore Bruno
13 ottobre 2022
10:31

Questa notte la terra ha tremato: 44 minuti dopo la mezzanotte una sisma di magnitudo 4.4 ha scosso il sonno dei calabresi, in particolare nelle province di Catanzaro, Crotone, Vibo Valentia e Cosenza, quelle più vicine all’epicentro individuato lungo la costa jonica del capoluogo di regione, con due successive repliche di minore intensità a Stalettì e San Floro.

E siccome i calabresi sono degli incoscienti, dopo un primo momento di smarrimento e di paura, verificata l’assenza di danni, sono tornati a dormire come se nulla fosse. Una condotta nella migliore delle ipotesi incauta, come sentenziato proprio ieri, quando si dice la combinazione, dai giudici del tribunale dell’Aquila che hanno decurtato il risarcimento dei danni alle famiglie delle vittime del terremoto dell’aprile del 2009, perite sotto le macerie di un palazzo costruito con materiali scadenti. Ritenendo che le stesse vittime fossero corresponsabili della loro morte, quasi al pari di chi senza farsi scrupolo aveva realizzato un fabbricato risparmiando su mattoni e cemento e più di chi avrebbe dovuto vigilare.


Scherzi a parte, il destino ha fornito immediatamente una dimostrazione plastica di quanto sia assurda la decisione assunta ieri nelle aule di giustizia del capoluogo abruzzese: si pretende dai cittadini di prevedere il rischio del ripetersi di un movimento tellurico, impossibile anche per gli studiosi più esperti, alleggerendo la coscienza di chi costruisce fuori dalle regole. Prevedere un terremoto non si può, ma quando impieghi materiali scadenti accetti l’eventualità che alla prima scossa un po’ più forte dell’ordinario il minimo che ti può capitare che il tuo palazzo venga giù come un castello di carte.

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top