Arresti a Cosenza

Tolti i sigilli al patrimonio dell’imprenditore Francesco Ciliberti: è accusato di associazione mafiosa

Il tribunale del Riesame di Catanzaro, misure reali, ha dissequestrato tutti i beni intestati all'indagato. La difesa ha dimostrato la provenienza lecita del denaro, frutto di dividendi societari

21
di Antonio Alizzi
29 ottobre 2022
11:45

Il tribunale del Riesame di Catanzaro, misure reali, ha dissequestrato i beni di Francesco Ciliberti, 38enne, imprenditore cosentino, accusato nell'ultima indagine della Dda di Catanzaro, di associazione mafiosa e in "Valle dell'Esaro" del reato di associazione a delinquere dedita al narcotraffico.

I giudici di Catanzaro, nel caso di specie, hanno tolto i sigilli a tutto il patrimonio, dal valore superiore di 5 milioni di euro, di Francesco Ciliberti, accogliendo il riesame presentato dall'avvocato Enzo Belvedere del foro di Cosenza. Nel ricorso, il legale di fiducia di Ciliberti, attraverso un'apposita consulenza, ha dimostrato la provenienza lecita del denaro utilizzato per acquistare quote societarie, attività imprenditoriali e terreni agricoli, nel periodo in contestazione, ovvero quello che va dal 2010 fino al 2020.


Nessuna sperequazione quindi tra quanto intestato a Ciliberti e la sua capacità d'acquisto, frutto di dividendi societari e raccolta economica, di tipo patrimoniale, derivante dal passato imprenditoriale della famiglia. Via libera anche ai beni degli altri familiari di Francesco Ciliberti. Quest'ultimo si trova in carcere per le ultime due operazioni antimafia, coordinate dai magistrati Nicola Gratteri, Vincenzo Capomolla, Alessandro Riello, Corrado Cubellotti e Vito Valerio, che lo hanno raggiunto dal 2020 ad oggi. 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top