Quel tour “no 'ndrangheta” che non piace alle istituzioni - VIDEO

La denuncia del testimone di giustizia Pino Masciari che con l’associazione “Legalità Organizzata” sta girando la Calabria per raccontare la sua esperienza ed essere da sprono. «In alcuni Comuni abbiamo trovato ostracismo»

169
di Tiziana Bagnato
21 maggio 2018
13:16

Un tour “No ‘ndrangheta” snobbato dalle istituzioni e che starebbe faticando a trovare quelle risposte essenziali per impostare un ragionamento e una discussione sulla lotta alla criminalità organizzata in Calabria. Nel quinto giorno del suo pellegrinaggio per la Calabria con l’associazione da lui fondata “Legalità Organizzata”, il testimone di giustizia Pino Masciari dalla tappa lametina, ospitata dal liceo scientifico Galileo Galilei lamenta come, ancora una volta, debba contare con amarezza le assenze.

 



«Né io né la mia associazione stiamo percependo le istituzioni, la loro vicinanza. Non stanno facendo quello che era giusto fare: dimostrarci solidarietà, affetto, stima», ha detto chiaramente a LaC News24. Masciari, che vive sotto scorta da più di venti anni e che per lungo tempo è stato nel programma Speciale di Protezione dopo avere denunciato i suoi aguzzini, anche a Lamezia non ha trovato alcun componente della commissione prefettizia ad accoglierlo, né un rappresentante del Comune. Gli chiediamo se siano stati invitati e ci assicurano che è stato fatto, così come per quanto riguarda tutte le città toccate dal tour.

 

Un tour quello di Masciari partito da Limbadi, il luogo dell’autobomba che ha visto morire barbaramente il giovane Matteo Vinci e che già a Rosarno aveva avuto un’amara sorpresa denunciata dalla stessa associazione a mezzo stampa: «Arriviamo in una Rosarno del tutto desolata. Nessuno ad accoglierci all'ora indicata; nessuna delle istituzioni comunali ad attenderci. Le forze dell'Ordine non erano presenti durante la sosta programmata. Lo Stato non è presente. Desolatamente non presente». Assenze importanti anche nella tappa di Bisignano.

 


«In alcuni Comuni abbiamo trovato una sorta di ostracismo», ha detto chiaramente Roberto Catani, presidente dell’associazione Legalità Organizzata. Alle 18 il tour approderà a Cetraro, martedì 22 a Cassano alla Ionio e Cosenza, mercoledì 23 ad Abbadia Florense, nel cosentino, e a San Giovanni In Fiore. Qui sono previste due tappe, una al Centro Studi Internazioni Gioachimiti e un’altra per la chiusura del tour alla presenza del sindaco nell’istituto De Fonseca Pimentel.

 

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top