Traffico di droga con l'Albania, il vibonese che faceva da mediatore con la 'ndrangheta

Ritenuto contiguo alle cosche dell'area di Zungri risulta destinatario di una custodia cautelare in carcere disposta nell'ambito dell'operazione "Sabbia 2". La sostanza stupefacente veniva trasportata via mare e poi sotterrata lungo le coste della Puglia in attesa di arrivare in Toscana 

20
12 dicembre 2019
10:28

C'è anche Valerio Navarra, residente in Toscana ma ritenuto contiguo a cosche della 'ndrangheta dell'area di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, tra i destinatari di custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'operazione antidroga "Sabbia 2" della Dda su un traffico di marijuana e cocaina dall'Albania all'Italia condotta dai carabinieri di Firenze.

Navarra gestiva una pizzeria a Montecatini Terme come attività di copertura e contemporaneamente intratteneva nell'interesse della 'ndrangheta rapporti criminali con trafficanti albanesi. Dalla Calabria si era trasferito in Toscana nel 2016 per sottrarsi alla pressione degli investigatori. Complessivamente, nell'operazione scattata nella notte sono sei le persone arrestate al momento, cinque in carcere e una ai domiciliari. Ancora ricercati un italiano destinatario di misura di custodia cautelare in carcere e due albanesi, destinatari di obbligo di dimora. In tutto l'ordinanza del gip dispone misure cautelari per nove soggetti. Altre 12 persone risultano indagate nella stessa indagine. La droga - trasportata via mare dall'Albania all'Italia, sotterrata lungo le coste della Puglia e poi portata in auto in Toscana - era acquistata dai grossisti albanesi per 800 euro al chilo e veniva rivenduta fino a 4.500 euro al chilo.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio