L’indagine

Violento pestaggio a Corigliano Rossano, ai due presunti aggressori contestato il tentato omicidio

Uno degli arrestati si trova ai domiciliari, l'altro è indagato a piede libero. Il difensore ha fatto richiesta di scarcerazione per entrambi contestando la tesi della procura di Castrovillari 

5
di Matteo Lauria
7 giugno 2022
18:06
Tribunale di Castrovillari
Tribunale di Castrovillari

Il pubblico ministero della procura di Castrovillari accusa di tentato omicidio i due uomini che hanno ferito a sprangate e a colpi di bottiglie due cittadini bulgari. Il capitolo dell’accertamento della verità è aperto senza sconti in ordine ai fatti avvenuti mercoledì scorso nella centralissima via Nazionale a Corigliano.  

Sono state assunte informazioni, prese in visione alcuni videofilmati e, in particolare, destano impressione le ferite riportate da uno dei bulgari ad organi vitali con il collo di una bottiglia, inferti in più parti del corpo, in particolare alla gola. Da qui la supposizione del magistrato che possa sussistere l’intenzione di voler uccidere.


Quattro le persone coinvolte: due rumeni e due bulgari. Per uno dei rumeni è scattata la misura cautelare in carcere, tradotta in arresti domiciliari, l’altro essendosi costituito è indagato a piede libero. Mentre i due bulgari sono ai domiciliari. L’avvocato dei rumeni Antonio Pucci è ricorso al tribunale del Riesame per la revoca della misura, partendo dal presupposto che trattandosi di una rissa sia da escludere la tesi del tentato omicidio.

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top