Cosenza, sventolio di pagelle in ricordo del 14enne morto in mare con i voti in tasca

VIDEO | Flashmob in Piazza 11 Settembre, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. Ribadito l'impegno quotidiano delle associazioni solidali della città per una pacifica convivenza tra i popoli 

di Salvatore Bruno
20 giugno 2019
21:50

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato numerose associazioni solidali hanno manifestato a Cosenza per promuovere la cultura dell'accoglienza e della pacifica convivenza tra i popoli. L'iniziativa è stata organizzata dal comitato promotore di FieraInMensa formato da Aesci – Zona Terra dei Bruzi, Azione Cattolica Diocesana, Cpoa Rialzo, Associazione culturale multietnica La Kasbah, Moci, Morequal, Officine Babilonia, Istituto buddista italiano Soka Gakkai Cosenza, Stella Cometa, Ufficio migrantes Diocesano, Associazione culturale Verde Binario.

La sciagura dell'aprile 2015

I partecipanti, in un singolare e partecipato flashmob, hanno sventolato una pagella in Piazza 11 Settembre, ricordando la morte di un 14enne annegato nel Mediterraneo nell'aprile del 2015 in un terribile naufragio con circa un migliaio di vittime. Quel ragazzo, originario del Mali, aveva la sua pagella cucita negli abiti. «Quel sacrificio - hanno sottolineato i partecipanti - ci spinge a continuare il nostro impegno quotidiano per una Europa dai porti aperti, contro la politica dell'indifferenza e della violenza». Ai nostri microfoni Andrea Bevacqua del comitato FieraInMensa.

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio