L'antico borgo di Badolato al centro delle giornate Fai di primavera

VIDEO | La delegazione di Catanzaro ha scelto per la XXVII edizione uno dei più suggestivi centri della nostra regione che conserva ancora intatta la sua struttura urbanistica medievale

di Rossella  Galati
16 marzo 2019
16:51
Badolato
Badolato

«Badolato ha una storia importante e un bellissimo patrimonio culturale e artistico. Sarà molto interessante far conoscere a tutti coloro che verranno questo  Borgo». Sono pronti gli apprendisti ciceroni di Catanzaro per le giornate Fai di Primavera. Sarà il suggestivo borgo di Badolato, scelto dalla delegazione provinciale  catanzarese del Fondo Ambiente Italiano, la meta della  XXVII edizione di una appuntamento dedicato alle bellezze del nostro Paese. Sabato 23 e domenica 24 marzo l’antico paesino a 240 metri sul mare, crocevia di popoli e culture, sarà tutto da scoprire. Un luogo che negli anni è diventato simbolo di integrazione tra popolazioni e meta turistica internazionale tanto da essere definito “borgo degli artisti e degli stranieri”. «Quest’anno abbiamo scelto Badolato perché è un luogo magico, speciale – spiega Gloria Samà, delegata Fai provinciale Catanzaro - perché unisce alle bellezze naturali una struttura medievale particolarmente affascinante e si inserisce in quello che è un importante progetto del Fai, ovvero un “ponte tra culture”». Per il sindaco Gerardo Mannello «Essere stati scelti dal Fai fa onore a questo borgo per le sue caratteristiche. Ci tengo a preannunciare anche che nel mese di maggio verranno a farci visita 40 sindaci dalla Cecoslovacchia che vogliono fare un gemellaggio con noi».

Un luogo tutto da scoprire

Il prossimo fine settimana sarà dunque una grande festa tra storia, natura, integrazione e arte con visite guidate, laboratori artistici, mostre e proiezioni, compreso il film “Il volo” di Wim Wenders, girato in parte proprio a Badolato. «Le numerose chiese di Badolato saranno aperte – spiega il direttore del periodico La Radice Vincenzo Squillacioti – e sono molto interessanti anche per i capolavori che contengono. Nella Chiesa Matrice ad esempio c’è un quadro del Caivano del 1640, restaurato dal maestro Pino Mantella». Quest’ultimo, in occasione delle giornate di primavera, inaugurerà il cantiere per il restauro dell’affresco bizantino della chiesa della Madonna della Sanità. Gli studenti che accompagneranno i visitatori per le vie del borgo fanno parte dell’ Istituto Comprensivo Tommaso Campanella di Badolato, del liceo classico Fiorentino e del liceo Campanella di Lamezia Terme, dell’Istituto Comprensivo Pascoli Aldisio di Catanzaro, del liceo scientifico Siciliani e liceo classico Galluppi di Catanzaro, dell’Istituto Comprensivo Sabatini di Borgia, della scuola primaria di Feroleto Antico, del liceo scientifico Guarasci di Soverato, con la collaborazione dell’Accademia di belle Arti di Catanzaro. Hanno aderito all’iniziativa Comune di Badolato, Associazione La Radice, Pro Loco Badolato, Associazione di Promozione Sociale "MaMa", Aopt Riviera e Borghi degli Angeli Polo di Badolato, Parrocchia SS.Salvatore con Rettorato del Santuario Basiliano della Madonna della Sanita', Confraternita dell'Immacolata, Confraternita di Santa Caterina, Confraternita del SS.Rosario, Slow Food Soverato, Comunita' Terra Madre "Borghi in Comunita'", Comitato cittadino "Insieme si può Fare", Accademia di Belle Arti, Gruppo Artisti Locali. 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio