Teksta të vjetëra të vjuar

I testi antichi patrimonio culturale dell’umanità e le biblioteche pilastri delle nostre società

VIDEO | Molti libri sono stati digitalizzati, questo permette da un lato di preservarli dall'altro di mettere a disposizione il sapere a studiosi di tutto il mondo

14
di Kristal Berlingieri
16 giugno 2024
07:04

I testi antichi custoditi rappresentano uno degli aspetti più affascinanti e preziosi del patrimonio culturale dell'umanità. Questi testi offrono uno sguardo unico su culture, credenze, lingue e conoscenze scientifiche di epoche lontane. La loro conservazione e il loro studio continuano a essere di fondamentale importanza per mantenere vivo il legame con le nostre radici culturali e storiche.

Con l'avvento delle tecnologie digitali, molti testi antichi vengono oggi digitalizzati. Questa pratica non solo facilita l'accesso ai documenti, ma permette anche la loro preservazione a lungo termine. Le scansioni ad alta risoluzione e i software di riconoscimento dei caratteri consentono di creare archivi digitali consultabili da studiosi di tutto il mondo.


Leggi anche

Le biblioteche hanno svolto un ruolo fondamentale nella conservazione e trasmissione del sapere umano attraverso i secoli. Fin dall'antichità, questi luoghi hanno custodito testi di inestimabile valore, permettendo alla conoscenza di attraversare il tempo e giungere fino a noi. Sono pilastri fondamentali delle nostre società, custodi della conoscenza e promotori della cultura. Esse giocano un ruolo cruciale nell'educazione, nella ricerca, nella promozione della lettura e nell'inclusione sociale. In un mondo in continua evoluzione, le biblioteche continuano a innovare e adattarsi, mantenendo il loro impegno a fornire accesso libero e equo all'informazione e alla cultura. Un grande ruolo viene assunto dalle biblioteche universitarie pilastri fondamentali delle istituzioni accademiche.Raccolgono, preservano e rendono accessibili documenti storici, manoscritti rari e altre risorse di valore culturale. Il sistema bibliotecario più grande del Mezzogiorno è quello dell’Unical, Università della Calabria. È costituito dalla Biblioteca di Area Umanistica “F. E. Fagiani” (BAU), la Biblioteca Interdipartimentale di Scienze Economiche e Sociali “E. Tarantelli” e la Biblioteca di Area Tecnico-Scientifica (BATS).Le biblioteche si estendono su 20mila metri quadrati di superficie, ospitano oltre 600 mila volumi e offrono 800 posti lettura e 300 punti di rete telematica.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all news Guarda lo streaming di LaC Tv Ascola LaC Radio
top