Il legame tra Dante e l’abate Gioacchino in un evento on line a San Giovanni in Fiore

La sindaca del comune silano Rosaria Succurro: «C’è tutta una tradizione sapienziale che lega i due pensatori, la quale può farsi risalire addirittura alla dottrina matematico-scientifica di Pitagora»

62
di Redazione
25 marzo 2021
15:17
Rappresentazioni di Dante e Gioacchino da Fiore
Rappresentazioni di Dante e Gioacchino da Fiore

«Su Dante Alighieri e l’abate Gioacchino, il Comune di San Giovanni in Fiore intende organizzare appena possibile un articolato evento culturale, con l’obiettivo di evidenziare e divulgare il rapporto tra queste due figure, nonché di riverberarne la vasta eredità in vari campi della conoscenza, anche riflettendo sul momento storico segnato dalla pandemia e dunque dal bisogno collettivo di avere forti riferimenti identitari per la ripartenza dopo il Covid».

È quanto dichiara la sindaca di San Giovanni in Fiore, Rosaria Succurro, a margine del webinar di giovedì 25 marzo, patrocinato dal municipio, su Gioacchino da Fiore e Dante Alighieri, rivolto anzitutto agli studenti, promosso dal Comitato nazionale per la celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante e dal Centro internazionale di Studi gioachimiti, con interventi di importanti esperti, del presidente e di altri rappresentanti dello stesso Centro, di docenti e dirigenti scolastici locali.


«Ringrazio molto – continua la sindaca – gli organizzatori e i relatori di questo webinar, convinta che in primo luogo nelle scuole, tanto segnate dal Covid, si debba continuare a veicolare il messaggio di rinnovamento e di speranza di Gioacchino e di Dante. C’è tutta una tradizione sapienziale che lega i due pensatori, la quale può farsi risalire addirittura alla dottrina matematico-scientifica di Pitagora, che tra l’altro visse a Crotone. Peraltro la complessità del pensiero teologico e profetico dell’abate calabrese ebbe un seguito straordinario, al punto da influenzare – rimarca la sindaca di San Giovanni in Fiore – Michelangelo Buonarroti, Cristoforo Colombo e, tra gli altri, i francescani spirituali che evangelizzarono l’America Latina».

«Con il Centro internazionale di Studi gioachimiti, le nostre scuole, le istituzioni culturali, gli intellettuali e gli operatori dell’informazione, continueremo a lavorare – conclude la sindaca Succurro – per divulgare il pensiero e l’attualità di Gioacchino da Fiore, come la sua influenza su Dante Alighieri. San Giovanni in Fiore e l’intera Calabria hanno bisogno soprattutto di un riscatto culturale».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top