L'università di Catanzaro cala il poker, salve le sei scuole di specializzazione a rischio

Attivate anche quelle per le quali lo scorso anno il Miur ne aveva disposto la temporanea sospensione: in totale sono 28

107
di Luana  Costa
12 agosto 2020
13:57
Università degli studi Magna Graecia di Catanzaro
Università degli studi Magna Graecia di Catanzaro

Nessuna scuola a rischio. Quest'anno l'ateneo catanzarese cala il poker e riesce ad accreditare tutte le scuole di specializzazione, comprese anche quelle per le quali lo scorso anno il Miur aveva decretato la sospesione. 

Il salvataggio delle sei scuole

«Dopo l’aumento dei posti disponibili per il corso di laurea in Medicina e Chirurgia e per le Professioni Sanitarie, con particolare riguardo al corso di laurea in infermieristica, l’offerta in ambito medico del nostro ateneo si potenzia con il recupero  delle scuole di specializzazione in Malattie dell’apparato respiratorio, Malattie dell’apparato digerente, Medicina fisica e riabilitativa, Cardiochirurgia, Pediatria, Ostetricia e Ginecologia». Così il rettore dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, Giovambattista De Sarro, esprime la soddisfazione per l’importante risultato raggiunto grazie alla riattivazione delle sei scuole di specializzazione e all’aumento dei posti disponibili totali, che pone l’ateneo catanzarese, sempre di più, quale punto di riferimento per la formazione medica e sanitaria nel Meridione.

Standard di qualità

«È questa la dimostrazione – ha spiegato il rettore – che il lavoro svolto con scrupolo e tanto sacrificio ripaga sempre. Vi è l’orgoglio di testimoniare che, in questo periodo di emergenza sanitaria, il nostro ateneo si è fatto trovare pronto per dare il suo valido e concreto contributo in campo medico con l’obiettivo sempre di riuscire a garantire standard di qualità negli aspetti della formazione dei giovani medici, della ricerca clinica, dell’assistenza ospedaliera. La grande richiesta di formazione per i corsi di laurea del nostro ateneo, in tutti i suoi settori, in questi primi giorni di avvio delle immatricolazioni – ha concluso De Sarro - ci fa ben sperare sulle grandi attenzioni e aspettative che i nostri giovani ripongono nella nostra università e noi siamo sicuri di non deluderle con un’offerta variegata e potenziata che spazia dalle scienze mediche a quelle farmaceutiche, giuridiche, economiche, informatiche, sociali e veterinarie».

Le 28 scuole

Le scuole di specializzazione attive ed i posti disponibili presso l’università Magna Graecia di Catanzaro sono: Anestesia, Rianimazione e terapia intensiva e del dolore (46 posti); Cardiochirurgia (2 posti); Chirurgia generale (9 posti); Chirurgia toracica (2 posti); Dermatologia e venerologia (2 posti); Endocrinologia e malattie del metabolismo (3 posti); Farmacologia e Tossicologia clinica (5 posti); Geriatria (8 posti); Ginecologia e Ostetricia (6 posti); Igiene e medicina preventiva (11 posti); Malattie dell’apparato cardiovascolare (12 posti); Malattie dell’apparato digerente (2 posti); Malattie dell’apparato respiratorio (4 posti); Malattie infettive e tropicali (6 posti); Medicina Fisica e riabilitativa (5 posti); Medicina Interna (13 posti); Medicina Legale (4 posti); Microbiologia e virologia (3 posti); Nefrologia (6 posti); Neurologia (7 posti); Oftalmologia (4 posti); Oncologia medica (8 posti); Ortopedia e traumatologia (5 posti); Patologia clinica e biochimica clinica (7 posti); Pediatria (5 posti); Radiodiagnostica (8 posti); Scienze dell’alimentazione (2 posti); Urologia (5 posti).

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio